Polizia spara ai cuccioli di cinghiale. La protesta: "Colpa dell’Ama"

Alla fine i cuccioli e la loro mamma sono stati ammazzati. A insorgere contro l'uccisione non sono solo le associazioni animaliste ma anche i cittadini

La polizia provinciale, a Roma, ha ucciso sei cuccioli di cinghiale e la loro mamma. A insorgere non solo le associazioni animaliste, ma anche i cittadini che puntano il dito contro l’Ama, la società che gestisce per conto dell'ente Roma Capitale, suo socio unico, la raccolta, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti, che raccoglie a singhiozzo.

Uccisi la mamma cinghiale e i suoi sei cuccioli

Gli agenti si sono presentati nel giardino Mario Moderni in via della Cava Aurelia, a poco più di un chilometro da piazza San Pietro, dove erano rimaste imprigionate le bestiole e hanno fatto fuoco. I corpi degli animali sono stati portati via su dei camion con scritta: "Materiale destinato all'eliminazione". Tutto ha avuto inizio nella mattinata di giovedì scorso, 15 ottobre, quando la famigliola di cinghiali, la mamma e i suoi 6 cuccioli, attirati probabilmente dai cestini zeppi di rifiuti, erano entrati nel giardino Mario Moderni, in via della Cava Aurelia, in cerca di cibo. Un luogo lontano dalla strada trafficata che la mamma aveva forse pensato fosse sicuro per la sua prole. Invece gli animali sono rimasti intrappolati al suo interno, una volta che i cancelli sono stati chiusi, senza possibilità di fuga. Intrappolati ad aspettare la morte, arrivata inesorabile per mano dell’uomo.

Per nulla intimoriti, gli animali avevano continuato a grufolare nel terreno intorno ai giochi e alle panchine, destando la curiosità dei cittadini e, soprattutto, dei bambini. Intanto i residenti della zona avevano anche solidarizzato con la famigliola, portando il cibo agli animali, ormai a digiuno da un giorno. Dopo ore di incertezza sul da farsi, ieri sera, verso le 21, la polizia provinciale è arrivata sul posto e ha sparato proiettili narcotizzanti ai cinghiali, poi uccisi.

Associazioni animaliste e cittadini, come riportato da Repubblica, sono scesi in piazza per protestare, non contro gli animali indifesi, ma contro la folle decisione. Tanti coloro che sono arrivati anche da lontano per assicurarsi che la famigliola fosse ricollocata poi in natura. Ma non è andata così, e non si capisce il perché. Ilaria Riccitelli, volontaria Enpa che si trovava sul luogo, ha spiegato: “Mamma e cuccioli sono stati ammazzati. È stato un omicidio: sono stati narcotizzati dalla polizia provinciale. Poi i veterinari della Asl hanno eseguito due punture con liquido mortale”. I cadaveri dei sei cuccioli e della loro mamma sono stati trasferiti su un camion speciale con la scritta: “Materiale di categoria 1 destinato all’eliminazione, Regione Lazio”. Un omicidio in piena regola, come denunciato dalle associazioni animaliste. Gli animali sono stati prima narcotizzati e poi uccisi, anche se c’erano altre soluzioni.

Tutto sembrava finire bene

L'onorevole Michela Vittoria Brambilla, ministra e sottosegretaria, nota animalista e fondatrice della Leidaa, le Lega italiana Difesa animali e ambiente, ha spiegato: “Nel pomeriggio si è tenuto un tavolo tra Regione e Comune. E ben prima che scoppiasse la rivolta ho contattato il governatore regionale, Nicola Zingaretti, per annunciare che la mia associazione, coi propri mezzi, sarebbe andata a recuperare la famiglia di cinghiali per farsene carico. Mi mette in contatto con Enrica Onorati, l’assessora competente per la Regione, poi procedo con una chiamata a tre anche con il presidente comunale della commissione Ambiente, Daniele Diaco: la questione sembrava risolta e noi saremmo andati lì a recuperare gli animali, per metterli in sicurezza”.

Invece la sera la famiglia è stata uccisa. “Nonostante le chiamate e la nostra disponibilità, uomini della polizia provinciale si sono presentati lì, con forze dell’ordine, il presidente della commissione Ambiente, Daniele Diaco e il direttore del dipartimento Tutela Ambientale, Marcello Visca, che ha anche speso parole ingiuriose nei miei confronti: motivo per cui sarà denunciato. Ma formalizzerò anche un esposto per quanto accaduto ai cinghiali: le soluzioni c’erano”. Daniele Diaco, implorato dai cittadini presenti di contattare immediatamente la sindaca Raggi ha risposto che avevano l’ok della Regione.

Segui già la pagina di Roma de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Angel59

Sab, 17/10/2020 - 11:35

Omicidio? Da quando i cinghiali sono equiparati agli uomini? Giornalisti a un tanto al mazzo!

pricar

Sab, 17/10/2020 - 11:39

qualcuno dovrebbe spiegare alla giornalista(?!?!?), autrice dell'articolo, che omicidio è l'uccisione di un UOMO e non ha nulla a che vedere con la soppressione di un cinghiale!!!!!!!!

27Adriano

Sab, 17/10/2020 - 11:53

La caccia è vietata nei parchi pubblici, anche se siamo a roma che è la capitlele?? dell'italia e ha come sindaca una certa ....raggi!!

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Sab, 17/10/2020 - 12:10

La giornalista fai da te parla di omicidio , ma sa' quello che dice ? Poi avete gridato allo scandalo quando si sono visti branchi di cinghiali che scorrazzavano per la città e avete sprecato fiumi di parole per denunciare il degrado , adesso che sono stati abbattuti stessa solfa . Cosa pensavate che qualcuno li adottasse e se li portasse a casa per metterli in giardino ?

Riflettiamo

Sab, 17/10/2020 - 12:49

Amo gli animali da sempre, ho un cane a cui sono affezionato ma sinceramente non comprendo quanto ho letto. Con i problemi più seri che abbiamo, covid, disoccupazione, città che cadono nel degrado più assoluto - vedi la nostra Capitale -, perdiamo tempo, sprechiamo fiato ed inchiostro per i cinghiali selvatici..... siamo proprio un popolo alla deriva che si merita un Governo alla deriva, che non rappresenta il pensiero degli italiani. Non mi riferisco al centro destra o centro sinistra ma al MS che da un anno ha perso oltre il 70% dei consensi ma decide con i parlamentari attuali - che non sarebbero rieletti - la sorte di noi tutti. Presidente faccia qualcosa per gli italiani .

ruggerobarretti

Sab, 17/10/2020 - 12:53

Apposta no!!! Immagino che chi protesta sia al tempo stesso quella marmaglia che trova il tempo per segnalare il corridore o ora il settimo e l'ottavo nano. Destinati all'estinsione.

Happy1937

Sab, 17/10/2020 - 13:14

Una medaglia d’oro ai poliziotti e un TSO per i responsabili animalisti e i cittadini che li supportano.

Ritratto di niki 75

niki 75

Sab, 17/10/2020 - 13:23

Certo è che siamo arrivati ad un punto di non ritorno. L'uccisione di un essere umano viene, generalmente, sottostimata rispetto a quella di un animale (peraltro pericoloso). Certe forme di indignazione collettiva dovrebbero essere mostrate in ben altre occasioni.

desaix

Sab, 17/10/2020 - 14:03

E i mattatoi cosa sono allora ? lager nazisti ?

Ritratto di Lupry

Lupry

Sab, 17/10/2020 - 14:13

Il problema nin sono i poveri e innocenti cinghiali......,ma l’incapacità di chi a fatto si che potessero scorrazzare liberamente per Roma.....votate ancora Raggi.....

frabelli1

Sab, 17/10/2020 - 14:25

Ma come, in un servizio andato in onda, non ricordo su quale canale televisivo, erano i cittadini a lamentarsi dei cinghiali, pericolosi per l’incolumità degli stessi cittadini e per il traffico. Ora, perché finalmente la polizia ha fatto quello che doveva, protestano. Ma se un cinghiale avesse caricato un loro figlio o loro stessi cosa avrebbero detto. Siamo alla follia, saremmo, o sarebbero, capaci di difendere i tirannosauri se tornassero a vivere piuttosto dell’Uomo.

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 17/10/2020 - 14:32

Cari Romani datevi una regolata, i cinghiali li volete o non li volete?. Hanno fatto bene ad ucciderli orma la specie è diventata troppo invasiva e la loro presenta su tutto il territorio è eccessiva.

Ritratto di Iam2018

Iam2018

Sab, 17/10/2020 - 14:38

Ok, sicuramente non è omi-cidio. Però c'è anche da dire che una volta resi inoffensivi potevano tranquillamente prenderli e portarli lontano dalla città visto che c'era già chi si era offerto di farlo.

sarascemo

Sab, 17/10/2020 - 15:11

marino.birocco Sab, 17/10/2020 - 12:10 è l' art 544-bis del codice penale «Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da 4 mesi a 2 anni.» in attuazione della L 20/07/2004 n° 189 Ministro....Berlusconi e Guardasigilli Castelli. Saluta Berlusca, saluta!

d'annunzianof

Sab, 17/10/2020 - 16:07

Siete grandicelli, e` ora che smettete di guardare i filmetti Disney su bamby

Malacappa

Sab, 17/10/2020 - 16:51

Hanno fatto benissimo a eliminarli perche'poco a poco sarebbe stata un invasione grazie al governo inutile che abbiamo questi animali sono pericolosi

obiettore

Sab, 17/10/2020 - 16:57

Femminicidio. Credo che la mamma sia stata una femmina.

Mamie

Sab, 17/10/2020 - 17:35

MARINO BIROCCO I CINGHIALI SONO STATI UCCISIDOPO CHE UN ENTE AVEVA UFFICIALMENTE DICIHIARATO CHE AVREBBE OSPITATO GLI ANIMALI IN UN PARCO PRIVATO ,MAE COMUNQUE STATO DATO ORDINE DI ABBATTERLI. QUESTA È PURA MALVAGITÀ . PERSONALMENTE PENSO CHE CHI HA DATO ORDINE DI SPARARE DEBBA ESSERE SEVERAMENTE PUNITO SE ROMA FOSSE STATA UNA CITTÀ PULITA SENZA SPORCIZIE SULLE STRADE E NEI PARCHIBI CINGHIALI DAREBBERO ANDATI ALTROVE . E SOLO INCIVILTA ,SIETE PEGGIO DELLE BESTIE

Mamie

Sab, 17/10/2020 - 17:49

Malacappa Penso che siano piu pericolosi gli uomini che da che mondo è mondo non fanno che ammazzarsi tra di loro

giovanni235

Dom, 18/10/2020 - 10:47

Sospendere subito tutti i lavori in Parlamento, costituire una commissione contro l'odio per i cinghiali,presidente la signora Liliana Segre e composta dai 630 deputati più i 315 senatori,Due anni di tempo per stilare le conclusioni della commissione.Prima domanda che deve rivolgersi detta commissione è la seguente: perchè i cinghiali uccisi con veleno e non regolarmente macellati per ricavarne salamini e stufati da distribuire ai poveri??.E poi ci si indigna per lo spreco di cibo!!!