Scopre di essere positivo al Covid e si spara alla testa: ​gravissimo un 84enne

L'anziano aveva scoperto di essere positivo al Covid prima di esplodere il colpo di pistola. S'indaga per tentato suicidio

Si è sparato un colpo di pistola alla testa dopo aver scoperto di essere positivo al Covid. Questo, secondo gli inquirenti, il motivo che spiegherebbe il folle gesto compiuto da un 84enne romano la sera di Santo Stefano. Scampato alla morte per un soffio, è ora ricoverato in condizioni gravissime all'ospedale Grassi di Ostia. Si indaga per tentato suicidio: l'arma era detenuta legalmente.

Il tentativo di suicidio

La dinamica esatta dell'accaduto è ancora da verificare. È certo che, invece, l'84enne abbia puntato l'arma contro se stesso nel tentivo di farla finita. I fatti risalgono al pomeriggio di Santo Stefano, in un appartamento in zona Axa, nel X Municipio Mare, sul litorale Ostiense. Stando a quanto si apprende da Il Messaggero, l'anziano avrebbe esploso il colpo mentre si trovava da solo nella camera da letto. A ritrovarlo riverso in una pozza di sangue sarebbe stata la moglie, precipitatasi in suo soccorso dopo aver udito il botto. A seguito dell'allarme, i vicini di casa hanno immediatamente allertato il 118 richiedendo, altresì, l'intervento delle forze dell'Ordine. Riscontrata una vasta emorragia all'altezza del capo, l'84enne è stato trasportato in codice rosse all'ospedale Grassi di Ostia.

"Era positivo al Covid"

Non sono ancora stati appurati i motivi che abbiano indotto l'aziano ad un gesto così estremo. Inizialmente, la moglie ha creduto fosse stato vittima di una caduta. Ma la tac a cui è stato sottoposto ha evidenziato schegge e frammenti di proiettile sopra l'orecchio sinistro. Da ulteriori accertamenti è emerso che l'uomo avesse appena appreso l'esito del tampone faringeo eseguito nei giorni precedenti alle festività natalizie: era positivo al Covid. Una notizia che lo ha turbato nel profondo, sostengono gli investigatori, al punto da decidere di farla finita. L'arma del delitto, una pistola detenuta legalmente, è stata ritrovata al di sotto del letto, nella camera matrimoniale. In condizioni critiche, ora l’84enne lotta fra la vita e la morte. Sul luogo della tragedia sono intervenuti gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine, quelli del X Distretto di polizia di Ostia e gli investigatori della polizia scientifica.Spari all’Axa: tentato suicidio in un appartamento, 84enne in fin di vita. Al momento, gli investigatori stanno valutando l’ipotesi del tentato suicidio, ma non si esclude nessuna altra pista.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

titina

Lun, 28/12/2020 - 13:05

Poverino.

MonikaHefti

Lun, 28/12/2020 - 13:20

Chi uccide (anche chi prova a uccidere se stesso) è condannato alla regressione spirituale chiamata da alcuni anche morte seconda. Non è molto intelligente acquistarsi un biglietto di sola andata per un soggiorno caloroso all'inferno.

ilrompiballe

Lun, 28/12/2020 - 17:25

Questo è il risultato del terrore che purtroppo vedo su tante facce.

trasparente

Mar, 29/12/2020 - 19:35

Classico esempio di persona terrorizzata e poco informata.