"L'ago ci fa paura...". E i prof rifiutano il test per il coronavirus

Scoraggianti i numeri registrati nelle Asl di Roma: alla fine solo la metà degli isegnanti avrà aderito all'indagine sierologica. Alcuni hanno paura del prelievo, e Rusconi: "Si doveva decretare l'obbligo di fare i test"

Manca davvero poco alla data prevista per la riapertura delle scuole, eppure i ritardi continuano ad accumularsi e molti istituti non sono ancora pronti per accogliere gli studenti; oltre al problema degli ormai "famosi" banchi con le rotelle, che difficilmente arriveranno entro i termini previsti, anche i test sierologici effettuati sul personale scolastico per tutelare la salute degli alunni e degli stessi insegnanti procedono a rilento. Una delle motivazioni accampate? La paura degli aghi, che evidentemente per alcuni prevale sul senso civico.

Secondo quanto riferito da "Il Messaggero", soltanto la metà dei docenti delle scuole di Roma sarà in possesso del certificato che garantisce la loro negatività al Coronavirus. Ad agosto la Regione Lazio ha infatti cominciato un'indagine sierologica mirata proprio ad individuare eventuali contagi all'interno del personale docente, così da poter riaprire gli istituti con maggiore sicurezza, eppure il programma sta faticando a procedere. Alcuni insegnanti avevano già lasciato Roma per godersi qualche giorno di vacanza, altri ancora hanno preferito non partecipare all'indagine per timore del prelievo venoso necessario per effettuare il test sierologico. Insomma, soltanto nell'ultima settimana si è avuta una maggiore adesione. Una vera e propria corsa contro il tempo.

Il risultato è che molti istituti scolastici sono ancora molto indietro. Al liceo Caetani di Prati, solo per citarne uno, il dirigente scolastico ha dovuto emanare una circolare per richiamare all'ordine gli insegnati: lunedì saranno avviati i test sul primo gruppo di docenti, 115 persone."Molti docenti hanno fatto un po' di resistenza tant'è che ad oggi quelli che hanno fatto il test sono una quindicina su 50. L'8 settembre ci sarà il secondo turno ma non credo che l'adesione aumenti", ha invece raccontato al "Messaggero" il preside dell'istituto tecnico De Amicis-Cattaneo.

Nonostante l'impegno del personale sanitario, pare davvero difficile completare l'indagine prima del 14 settembre, data in cui dovrebbero ricominciare le lezioni. Non è detto poi che tutti i docenti aderiranno, visto che si tratta di una loro scelta. Nella sola Asl Roma 1 erano previsti circa 30mila test, ma i numeri sono stati molto inferiori."Finora ne abbiamo realizzati 6 mila, altri 12 mila tra prof, bidelli e impiegati si sono prenotati per i prossimi giorni. Abbiamo riscontrato una certa reticenza, al di là dei problemi logistici legati alle ferie", ha riferito Paolo Parente, dirigente incaricato di condurre l'indagine epidemiologica. Stessa carenza di adesioni anche per la Asl Roma 2: anche qui erano previsti 30mila tamponi, ma i test sierologici realizzati sino ad ora sono 4.800, con altre 11mila persone prenotate per la prossima settimana. Nella Asl Roma 3, infine, l'adesione si è fermata sotto il 30%. "Molti insegnanti hanno paura dell'ago, del prelievo venoso, altri invece non vogliono perdere tempo. Forse questa operazione andava resa obbligatoria", ha commentato Aldo Benevelli, dirigente della Asl.

Insomma, fra vacanze, temporeggiamenti vari e paura della puntura, alla fine anche Mario Rusconi, presidente dell'Associazione nazionale dei presidi di Roma e del Lazio, ha commentato:"È questo il tallone d'Achille della campagna, perché di fronte ad una situazione emergenziale si doveva decretare l'obbligo di fare i test". Per velocizzare le operazioni, anche l'Uscar (Unità speciale di continuità assistenziale Regionale) metterà in campo i propri professioni, che affiancheranno i colleghi sanitari nell'esecuzione dei test, ma anche in questo modo appare assai improbabile che i controlli saranno ultimati entro il 14 settembre.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Enne58

Sab, 05/09/2020 - 12:19

Giustamente ogni uno può decidere liberamente, ma questo da la giusta misura dell'attaccamento al lavoro del pubblico dipendente

Ritratto di Loudness

Loudness

Sab, 05/09/2020 - 13:02

Enne58, Articolo 32 Cost. La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana. Articolo 13. La libertà personale è inviolabile. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge. Quindi se io non voglio fare il prelievo non sono un pericoloso reazionario eversivo, chiaro?

BasilC.Michels

Sab, 05/09/2020 - 13:53

ma certo, sempre diritti, tutti i diritti possibili! "Conto solo e soprattutto io!" Mai un dovere verso gli altri, un comportamento sociale rivolto al bene comune. Avanti così!

Ritratto di sr2811

sr2811

Sab, 05/09/2020 - 14:38

Chi lavora a contatto con i propri simili come medici, infermieri, insegnanti ecc ecc non può sottrarsi a fare i test dovrebbe essere obbligatorio per salvaguardare gli altri, per il vaccino è diverso, giusto lasciare libera scelta, ma il test che non pregiudica niente deve essere obbligatorio.

Enne58

Sab, 05/09/2020 - 15:22

Loudnes: non ho mai parlato di pericoloso reazionario ma di attaccamento al lavoro. Proprio per questo ho specificato che un cittadino può decidere liberamente. Chiaro

Happy1937

Sab, 05/09/2020 - 15:34

E allora siano radiati dal Corpo Insegnante perché gente priva di senso civico non puo` svolgere il ruolo di educatore.

Ritratto di navajo

navajo

Sab, 05/09/2020 - 15:42

Loudness...... non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge. Così doveva e dovrebbe essere, invece ci hanno detenuti, in barba alla Costituzione e alla Legge con dei DPCM solo amministrativi e con le sanzioni pecuniarie a raffica. Siamo in Italia caro mio.

Gio56

Sab, 05/09/2020 - 16:46

Loudness,se in una azienda privata non si sottopone alla misurazione della temperatura,non la fanno entrare.E poi la scusa dell'ago è pietosa,che provino ad aver malattie serie dove la cura è a base di punture,vedrà come la paura passa.

Ritratto di Loudness

Loudness

Sab, 05/09/2020 - 17:59

Gio56, sai come fa la gente ad entrare in negozio o in azienda con la febbre? Semplicemente si appoggia una lattina ghiacciata sul polso prima di entrare e si mostra quello all'addetto che, dopo centinaia di rilevazioni ne ha le palle piene di misurare temperature.