Wimbledon, Berrettini si arrende a Djokovic

Sesta affermazione a Wimbledon per il fuoriclasse serbo che aggancia a quota 20 come Slam Federer e Nadal. Onore a Berrettini che si è battuto come un leone contro il numero uno del mondo

Wimbledon, Berrettini si arrende a Djokovic

Matteo Berrettini vince il primo set al tie-break, rimontando Novak Djokovic, ma alla fine il fuoriclasse serbo esce fuori alla distanza e vince i successivi tre parziali per 6-4, 6-4, 6-3 e si porta a casa il sesto Wimbledon della sua carriera, il 20esimo titolo del Grande Slam, agganciando così Roger Federer e Rafael Nadal, e il terzo consecutivo considerando che nel 2020 non si è giocato per via del coronavirus.

Berrettini ci ha provato con tutte le sue forze ad arginare il numero uno al mondo ma si è dovuto arrendere alla classe e alla forza soprattutto mentale del suo avversario che non ha mollato un centimetro e che alla fine, con pazienza, ha lavorato ai fianchi l'italiano sfiancandolo e portandosi a casa il ventesimo titolo del grande Slam su 20 finale disputate, quasi il 67% delle volte che Nole arriva all'atto finale di uno Slam se lo porta poi a casa: i numeri parlando chiaro.

Djokovic ha vinto con merito ma Berrettini ha davvero fatto vedere, ancora una volta, di poter competere ad altissimi livelli e che prima o poi una vittoria in uno Slam potrebbe anche arrivare. Il 25enne romano da domani salirà al numero 8 del mondo.

Nole in un arco temporale di 6 anni ha quasi monopolizzato il tennis: 14 finali slam giocate, 12 vinte. Gli unici in grado di fermarlo, qui dentro, Stan Wawrinka allo US Open 2016 e Rafael Nadal al Roland Garros 2020. Il serbo resta anche in corsa per vincere il Grande Slam ovvero Australian Open, Roland Garros, Wimbledon e Us Open nella stessa stagione: gli manca solo il sigillo a Flushing Meadows e sarà fatta. L'ultimo a riuscirci fu Rod Laver nel 1969.

La partita

Berrettini parte male e al quarto gioco perde il servizio con Djokovic che scappa sul 4-1. Il 25enne romano, però, con pazienza aspetta e attacca al nono gioco portandosi sul 5-4 in sfavore ma con il servizio a suo favore. Matteo tiene bene il campo e riesce a portare la contesa fino al tesissimo tie-break che vince per sette punti a quattro.

Nel secondo set Djokovic è una furia e strappa il servizio per due volte a Berrettini nel primo e nel terzo gioco portandosi sul 4-0. Berrettini però non molla e prova la rimonta togliendo un servizio al serbo che vince però 6-4. Nel terzo set, il romano perde ancora il servizio al terzo gioco e questo risulterà decisivo ai fine della chiusura del set che viene vinto ancora da Nole per 6-4.

Nel quarto set Berrettini tiene botta fino al 3-3 ma crolla al settimo gioco e cede poi di schianto al nono regalando così il parziale al 34enne di Belgrado che vince così Wimbledon per la sesta volta, la terza consecutiva.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Commenti

Grazie per il tuo commento