Così le noci abbassano il colesterolo cattivo

La ricerca, condotta dall'American Heart Association, ha rivelato l'efficacia di una dieta in cui questo frutto ha un particolare posto di rilievo

Noci, il consumo quotidiano abbassa i livelli di colesterolo cattivo

Mangiare circa mezza tazza di noci ogni giorno per due anni ha abbassato moderatamente i livelli di colesterolo LDL o altrimenti definito "cattivo" e ha ridotto il numero di particelle LDL (predittrici del rischio di malattie cardiovascolari) negli anziani sani. A confermarlo, una ricerca condotta dall'American Heart Association e pubblicata sulla rivista "Circulation".

Le noci sono una ricca fonte di acidi grassi omega-3 (acido alfa-linoleico) e da tempo sono stati dimostrati i loro effetti benefici sulla salute del cuore. Oltre a ridurre i livelli di colesterolo cattivo, esse migliorano la qualità di particelle LDL. Queste ultime, piccole e dense, sono spesso associate all'aterosclerosi, alla placca o ai depositi di grasso che si accumulano nelle arterie.

In un sottostudio (Walnuts and Healthy Aging) gli scienziati per due anni hanno valutato se il consumo regolare di noci, indipendentemente dalla dieta e dal luogo di residenza, avesse o meno effetti positivi sulle lipoproteine. L'analisi, condotta da maggio 2012 a maggio 2016, ha coinvolto 708 partecipanti sani provenienti da Barcellona (Spagna) e Loma Linda (California) e di età compresa tra 63 e 79 anni. I soggetti sono stati divisi in due gruppi: intervento attivo e controllo. Quelli appartenenti al primo hanno aggiunto circa mezza tazza di noci alla loro normale alimentazione. Quelli appartenenti al secondo, invece, si sono astenuti dal mangiarle.

Dopo due anni sono stati testati i livelli di colesterolo degli individui. La spettroscopia di risonanza magnetica ha analizzato la concentrazione e la dimensione delle lipoproteine. Significativi i risultati:

  • a due anni i partecipanti del gruppo attivo avevano livelli di colesterolo LDL più bassi, in media di 4,3 mg/dl e il colesterolo totale era ridotto in media di 8,5 mg/dl;
  • il consumo giornaliero di noci ha ridotto il numero di particelle LDL totali del 4,3% e di quelle piccole del 6,1%:
  • è diminuito il colesterolo delle lipoproteine a densità intermedia;
  • le variazioni del colesterolo LDL nel gruppo attivo differivano in base al sesso: negli uomini il colesterolo cattivo è diminuito del 7,9%, nelle donne del 2,6%.

«Mangiare una manciata di noci ogni giorno - hanno affermato i ricercatori -è un modo semplice per promuovere la salute cardiovascolare. Molte persone sono preoccupate per l'aumento di peso indesiderato quando includono frutta secca nella loro dieta. Il nostro studio ha scoperto che i grassi sani delle noci non hanno fatto ingrassare i partecipanti. Sono ora solo necessarie ulteriori indagini per chiarire i diversi risultati LDL negli uomini e nelle donne».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti