Milano, rischio focolaio in un centro di accoglienza

Sempre più timori di contagi specialmente dopo gli ultimi casi rintracciati all'interno di alcune strutture: dal Viminale però, al momento emerge solo un gran silenzio

Un problema sul discorso immigrazione c’è: le rigide misure di contrasto al coronavirus impongono una seria riflessione su quella che è l’attuale gestione dell’accoglienza nel nostro Paese. C’è qualcosa che non va e questo lo si sottolinea già da giorni.

C’è il pericolo di contagi all’interno di centri sovraffollati, c’è il timore relativo alle difficoltà di far rispettare le regole di distanziamento sociale in queste strutture e c’è, soprattutto, lo spauracchio di nuovi focolai incontrollati.

Su La Verità si parla ad esempio di nuovi contagi all’interno di un centro d’accoglienza di Milano, situato in via Aquila. Si tratta di una struttura gestita dalla Gepsa, una multinazionale francese che si occupa si altri centri anche all’estero. All’interno sono stati rintracciati otto migranti positivi al Covid-19, facendo quindi scattare l’allarme sanitario.

Quattro di loro sono stati posti in regime di sorveglianza sanitaria, altri quattro invece sono stati portati in altre strutture per la quarantena. Inoltre, per sanificare i locali e far garantire le misure di distanziamento sociale, 17 persone sono state trasferite in altre strutture. Otto contagiati sono molti per centri al cui interno trovano alloggio anche centinaia di persone, che vivono anche in spazi comuni e dormono in stanze a volte con più di cinque o dieci letti.

Nei giorni scorsi era trapelata, per bocca dello stesso ministro dell’interno Luciana Lamorgese, la proposta di “spalmare” in centri più piccoli sparsi in tutto il territorio nazionale i migranti ospitati nelle strutture più sovraffollate. Ma si è trattato di una proposta lanciata in un’intervista su Repubblica e nulla più. Al momento non ci sono state comunicazioni ufficiali a riguardo. Anche perché si tratta di un progetto di difficile realizzazione.

Negli ultimi giorni è poi trapelato un ulteriore timore: quello dell’impossibilità di isolare completamente i centri. E dunque di non poter garantire la salute sia dei migranti che degli operatori. Lo ha fatto notare ad esempio il sindaco di Gradisca d’Isonzo, Linda Tomasinsig: qui, nel locale centro di permanenza per il rimpatrio (Cpr), un migrante è stato trovato positivo al Covid-19. Adesso lui è stato trasferito, ma le preoccupazioni da parte del primo cittadino appaiono ancora abbastanza forti: “I Centri per i rimpatri sono frequentati quotidianamente da persone che vivono all' esterno come personale delle forze di polizia, degli enti gestori, mediatori, giudici e avvocati – ha scritto su Facebook Linda Tomasinsig – Da qui il conseguente pericolo per loro e i loro familiari di diffusione del contagio”.

Un problema di non poco conto: essendo queste strutture molto sensibili, la mancanza di uno specifico controllo senza possibilità di evitare ogni contatto esterno, potrebbe innescare focolai preoccupanti.

Sul caso esiste una circolare del Viminale datata 26 marzo, in cui viene stabilito che per i migranti è possibile ancora incontrare persone dall’esterno, tra avvocati ed operatori, ma a distanza di due metri. Tuttavia, non emergono al momento regole comuni più precise ed in grado di rassicurare sindaci, amministratori, cittadini e gli stessi migranti.

Nella circolare sopra menzionata, viene inoltre specificato che “Ai maggiori oneri dovuti all' incremento dell' erogazione dei servizi di accoglienza – si legge – si potrà provvedere con la stipula di appositi atti aggiuntivi alle convenzioni attualmente in corso”. Dunque, i centri dovranno provvedere da soli ad adeguare le strutture alle nuove esigenze sanitarie, ad emergenza finita eventuali costi aggiuntivi verranno presi in considerazione con la stipula di nuovi atti. Per il momento la linea dettata dal governo si limita a questo. Non molto, vista la natura grave del problema.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio5819

Mar, 31/03/2020 - 11:48

"dal Viminale però, al momento emerge solo un gran silenzio"... tipico. Gli importati tanto cari alla sinistra......

Camomilla1

Mar, 31/03/2020 - 12:02

E che dire di quelli che ancora stazionano davanti alla porta dei supermercati, fino a pochi giorni fa chiedendo l'elemosina, questa mattina ho visto puliscono il vetro di entrata (solo il vetro di entrata)!!!!!!Chi li autorizza quando noi siamo multati se solo non andiamo al supermercato più vicino. Siamo un po' stufi di essete presi in giro, che le regole valgano per tutti!!!!

MammaCeccoMiTocca

Mar, 31/03/2020 - 12:08

Mandateli a Firenze, riceveranno il caloroso abbraccio del Sindaco per esorcizzare ...??? oppure meglio ancora mandateli a casa loro a fare la quarantena.

27Adriano

Mar, 31/03/2020 - 12:10

..Lamorgese e salah vorrnno lasciarli liberi per la città, in modo che possano infettarne altri, vanificando il lavoro fatto fino ad ora!

mbrambilla

Mar, 31/03/2020 - 12:11

Un gran caos, sarebbe, in silenzio, da riportarli in Libia...

savonarola.it

Mar, 31/03/2020 - 12:18

Vergogna colossale. Ma passata la bufera questi riprenderanno a sbarcare come prima. Accetto scommesse. Sono in troppi a far soldi sulla loro pelle

jaguar

Mar, 31/03/2020 - 12:48

Dovrebbe occuparsene il partito che li ha fatti entrare.

Ritratto di PollaroliTarcisio

PollaroliTarcisio

Mar, 31/03/2020 - 13:46

"una seria riflessione su quella che è l’attuale gestione dell’accoglienza nel nostro Paese": cioè quello che qualsiasi persona di buon senso, che non abbia la mente ottenebrata dall'ideologia cattobuonista, va ripetendo da una decina d'anni.

ziobeppe1951

Mar, 31/03/2020 - 13:51

Arriva...arriva...sarà la fine del buonismo peloso...la fine della sinistra

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Mar, 31/03/2020 - 13:57

il classico silenzio della sinistra inutile e dannosa, mandateli tutti al viminale e in via del nazareno sede p.d.

Giorgio5819

Mar, 31/03/2020 - 14:09

jaguar, quelli sono già in sbattimento per aver dovuto rallentare l'importazione....

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 31/03/2020 - 14:18

Chissà se Sala e Majorino andranno a far visita ai loro amici migranti.

Unoamareggiato

Mar, 31/03/2020 - 14:42

Per il bene di tutti i milanesi i migranti trovati positivi dovrebbero essere messi in quarantena in casa di Sala o mandati in Vaticano dove certamente potranno avere tutte le cure possibili. Lamorgese se ci sei batti un colpo!

Santorredisantarosa

Mar, 31/03/2020 - 15:07

NATURALE CHE L'IMPIEGATA DI CORSO MONFORTE A MILANO STA ZITTA ALTRIMENTI COME PUO' AVVENIRE L'INVASIONE, IL SOVVERTIMENTO DEGLI USI E COSTUMI DEL POPOLO ITALIANO E LA CONTESTUALE SOSTITUZIONE ETNICA CON GLI AFRICANI E MUSSULMANI?

Santorredisantarosa

Mar, 31/03/2020 - 15:08

DIMENTICAVO E COLORO CHE DESIDERANO QUESTI E I 35 € GIORNALIERI QUANDO CI SONO MIGLIAIA E MIGLIAIA DI ITALIANI INVALIDI CHE NON HANNO NIENTE E UNA PENSIONE SOTTO I 300 MENSILI?

Malacappa

Mar, 31/03/2020 - 15:37

La foto dice tutto,vuotare rapidamente sto centro e mandarli da dove sono venuti prima gli italiani

Ritratto di PollaroliTarcisio

PollaroliTarcisio

Mer, 01/04/2020 - 17:07

Ma quand'è che qualcuno pagherà per i danni che ha fatto con la sua folle ipocrisia buonista?