Come proteggersi dall’aria condizionata

L’uso smoderato del condizionatore può provocare mal di testa, dolori articolari, addominali, sinusite. Ecco i consigli per proteggersi da questi effetti dannosi per la salute

Come proteggersi dall’aria condizionata

L’aria condizionata è il più diffuso refrigerio nelle giornate più afose. Diffusa sui mezzi pubblici, nei negozi, bar, uffici. Sembra che di essa non se ne possa proprio fare a meno.

Purtroppo la variazione rapida della temperatura esterna può provocare dei seri danni per la nostra salute. Può causare una diminuzione della vascolizzazione delle mucose respiratorie con conseguente paralisi delle ciglia vibratili che rivestono i bronchi. Tutto ciò agevola l’insorgere di mal di testa, cervicale, mal di gola, raffreddore, bronchite. Da non sottovalutare sono anche i dolori articolari, muscolari, addominali spesso accompagnati da episodi di dissenteria.

I soggetti più a rischio sono i bambini, gli anziani, i soggetti asmatici e allergici, quelli che soffrono di rinite e sinusite cronica. Un uso non corretto dell’aria condizionata può alterare il film idrolipidico che ricopre la nostra pelle. La conseguenza è ritrovarsi con la pelle secca e disidratata. A risentirne sono anche i nostri capelli che risultano aridi e poco lucenti.

Ecco dei consigli utili per proteggersi efficacemente dagli effetti dannosi dell’aria condizionata:

- Attenzione alla temperatura: nel regolare la temperatura del vostro condizionatore ricordatevi di non eccedere mai oltre i cinque- sei gradi rispetto alla temperatura esterna. Se si è sudati evitare di esporvi direttamente al flusso d’aria fredda;

- Bere molta acqua: l’idratazione del nostro organismo consente di evitare la secchezza della pelle esposta all’aria condizionata. È anche una valida protezione per le mucose delle vie respiratorie;

- Proteggere collo e spalle: in ufficio e nei centri commerciali in particolare, l’aria condizionata è molto diffusa e costante. Bisogna munirsi di foulard e sciare leggere per proteggere il collo dal divario delle temperature. Per le spalle non dimenticatevi di portarvi con coi sempre un golfino di cotone leggero;

- Occhio ai filtri del condizionatore: la manutenzione dell’apparecchio deve essere effettuata periodicamente. Va eseguita prima dell’estate e poi successivamente una volta al mese. Essa prevede la pulizia accurata dell’apparecchio e dei suoi filtri. Quest’ultimi sono spesso ricettacolo di polveri e batteri. In caso di usura il filtro deve essere obbligatoriamente cambiato;

- Non dormire col condizionatore acceso: evitare di addormentarsi in stanze con l’aria condizionata attiva. A causa del fisiologico calo della temperatura corporea nelle ore notturne, al mattino potremmo ritrovarci con dolori articolari e mal di testa.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti