Sbalzi di temperatura, quali sono i rischi e come evitarli

Durante la stagione autunnale siamo esposti a continui sbalzi termici. Questi indeboliscono l’organismo, il quale diventa preda di virus e batteri. Ecco come proteggerci efficacemente

La stagione autunnale è caratterizzata da un clima altalenante in cui dobbiamo fare i conti con continui sbalzi di temperatura.

Quest’ultimi sono alleati dei virus e dei batteri che indeboliscono le difese di cui l’organismo dispone. Passare da un ambiente caldo ad uno freddo, o viceversa, può compromettere il funzionamento delle vie respiratorie, facilitando così l’attacco dei microbi presenti nell’aria.

Sbalzi di temperatura, come reagisce l'organismo

Solitamente, quando è esposto a questi sbalzi di temperatura, il nostro organismo dispone di un efficiente sistema di termoregolazione con il quale di adattarsi al nuovo clima, attraverso la dilatazione dei vasi sanguigni superficiali e la sudorazione. Così facendo, cerca di produrre calore o disperdere attraverso la cute il caldo in eccesso.

In alcune situazioni, questo meccanismo non è sufficiente. Ciò accade soprattutto quando il passaggio dal caldo al freddo o dal freddo al caldo è brusco o ripetuto. In condizioni di questo tipo, il corpo fa fatica ad adattarsi ed è esposto a malanni stagionali come mal di gola, raffreddore, mal di testa, influenza, crampi muscolari. Quando l’aria non è umidificata si aggiunge a questa sintomatologia uno stato di disidratazione. Se non si corre al riparo bevendo molta acqua questa condizione può indebolire tanto l’organismo. I soggetti più a rischio sono i bambini e gli anziani, così come chi soffre di malattie cardiovascolari e respiratorie, perché dispongono di sistemi di termoregolazioni poco efficienti.

Come proteggere l'organismo dagli sbalzi di temperatura

Ecco i consigli utili per salvaguardare al meglio il nostro organismo dall’esposizione dei continui sbalzi di temperatura di questa stagione:

  • Vestirsi a strati: l’abbigliamento "a cipolla" consente di alleggerirci quando fa troppo caldo o coprirci quando, al contrario, fa freddo. Ci consente di adattarci alle temperature con estrema facilità;
  • Ridurre lo sbalzo termico a casa e in ufficio: optare per una temperatura equilibrata, in modo da non risentirne quando si rientra dall’esterno. La temperatura ideale non deve superare i 19-22 gradi;
  • Fare attenzione al tasso di umidità: deve aggirarsi intorno al 40-50%;
  • Cambiare i filtri dei condizionatori: sia in auto che in casa. Bisogna pulirli o cambiarli periodicamente, perché in essi si annidano batteri e germi che si disperdono facilmente nell’ambiente;
  • Dormire abbastanza: dormire almeno otto ore a notte è una sana protezione, rendendo il corpo più forte quando è esposto a situazioni stressanti;
  • Attività fisica quotidiana: fare passeggiate o sport all’aperto consente all’organismo di adattarsi agli ambienti esterni:
  • Curare l’alimentazione: seguire una dieta equilibrata, ricca di frutta e verdura, consente di fare il pieno di vitamine e sali minerali che rafforzano il sistema immunitario durante la stagione più fredda e rischiosa. Mai saltare i pasti. Sì, invece, a bevande e pasti caldi.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

aldoroma

Gio, 19/11/2020 - 17:52

Perché non si è unito?