Lo sfogo di Cassano: ​"Non mi cerca nessuno"

Cassano: "Con le pippe che ci sono in giro, io posso giocare ancora in serie A. E voglio giocare in serie A"

"Starò a casa a fare il manager di mia moglie. Non mi cerca nessuno, che devo fare? Niente Cina, Grecia o Argentina. Non voglio andare da nessuna parte. Volevo rimanere in Italia però, ad oggi, non c'è niente". Così Antonio Cassano dopo aver ricevuto da Valerio Staffelli l'ennesimo Tapiro d'oro di Striscia la notizia. Al microfono del tapiroforo, che lo ha intercettato a Genova, Cassano ha negato l'ipotesi di giocare in una squadra di serie B: "Con le pippe che ci sono in giro, io posso giocare ancora in serie A. E voglio giocare in serie A. Ma se non c'è l'opportunità rimango a casa. Ci sono grosse probabilità che a giugno finisca la mia carriera e inizi a fare il manager di mia moglie. Adesso il grano a casa lo porta lei".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 14/02/2017 - 18:39

Fatti un esame di coscienza e comincia a chiederti il perchè ha cambiato più squadre che mutande. Se invece cerchi qualcuno che possa comprenderti prova a confidarti con Balotelli.

Cristiano doc

Mar, 14/02/2017 - 19:54

Ma come ha detto no alla Juve ??

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Mar, 14/02/2017 - 20:00

per giocare a calcio ci vogliono i piedi, ma anche un pò di cervello è indispensabile. nel suo caso, siamo al di sotto del minimo sindacale

Beaufou

Mar, 14/02/2017 - 20:09

Non ti cerca nessuno, dici? Mah. Tu, invece, te la sei proprio cercata, caro Fantantonio. Così va il mondo. Auguri.

Ritratto di onollov35

onollov35

Mar, 14/02/2017 - 22:10

Prendila con il Tuo carattere poco sportivo.

Martinico

Mer, 15/02/2017 - 08:38

Gran bel giocatore, ridimensionato a causa di un carattere poco abituato alle regole. Mi dispiace come atleta ma come persona dovrà necessariamente lavorare interiormente sul proprio io. Coraggio Antonio, non sei il solo.

sergioilpatriota

Mer, 15/02/2017 - 08:53

Non è vero: Dopo la vendita di Belotti lo aveva cercato Zamparini che lo voleva al Palermo. Ma lui si è rifiutato. Evidentemente pensava all'interessamento di qualche squadra più blasonata. Aspetta e spera!