La ricerca scientifica: siamo nati per essere pigri

Secondo un gruppo di scienziati canadesi l'uomo, anche quando è in movimento, tende al maggior risparmio energetico possibile

Siamo nati per essere pigri? Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista "Current Biology" il corpo umano è fatto in modo tale da risparmiare la maggior energia possibile, anche quando è in movimento.

"Se passate ore in palestra cercando di bruciare calorie, potreste rimanere delusi sapendo che, mentre vi impegnate, il vostro sistema nervoso vi rema contro", spiegano dalla Simon Fraser University di Vancouver. Gli scienziati hanno studiato il comportamento di un gruppo di uomini e donne che dovevano camminare su un tapis roulant con un'attrezzatura legata sul corpo e hanno scoperto che i volontari, messi sotto sforzo, cambiavano subito passo. "Abbiamo rilevato che hanno subito trasformato il loro modo di camminare, incluse caratteristiche della loro andatura ben salde. E tutto questo per risparmiare un po' di energia", spiega il ricercatore Max Donelan. "La stessa pigrizia, - spiega - la stessa necessità di risparmiare le proprie forze, spiega la predilezione, da parte degli esseri umani, di fare le cose nel modo meno faticoso. Come quando scegliamo il percorso più breve o decidiamo di sederci invece di stare in piedi". In sintesi, questa scoperta è una buona notizia per gli atleti perché "Se il corpo riesce a 'risparmiarsi', - dice Donelan - c'è una probabilità maggiore di vincere una corsa" ma se si desidera dimagrire "la notizia non è delle migliori".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.