Vitamine del complesso B, quali sono e come assumerle

Le vitamine del complesso B sono importanti per il sistema nervoso, la salute del cuore e la cura di pelle e capelli. Vengono assunte con un’alimentazione sana, attraverso cibi di origine animale e vegetale

Vitamine del complesso B, quali sono e come assumerle

Le vitamine del complesso B sono fondamentali per il benessere del nostro organismo. Affaticamento fisico e mentale sono alcuni sintomi della carenza di questo tipo di vitamine.

Esse sono di vitale importanza per il sistema nervoso, il mantenimento dei muscoli e per la cura della pelle e dei capelli. La loro assunzione è vitale nella crescita dei bambini. Può essere preziosa anche nel periodo di convalescenza, dovuto ad una malattia o all’influenza stagionale.

Vitamina B, le varie tipologie del complesso

Come anticipato, esistono differenti tipologie di vitamina B. Ognuna di esse ha una specifica funzionalità per l’organismo:

  • B1: chiamata anche tiamina. È idrosolubile e non si accumula nell’organismo come succede alle altre tipologie. Quindi va assunta con una certa regolarità. Serve per trasformare il glucosio in energia. Funzionale nei periodi di studio e stress mentale. Facilita l’apprendimento e la concentrazione;
  • B2: nota anche come riboflavina. Molto sensibile alla luce e alle fonti di calore. Consente di fare il pieno di energia per poter affrontare al meglio la giornata. Importante per lo sviluppo dei bambini. Di fatti la sua carenza provoca problemi seri come la tachicardia, l’inappetenza e problemi alla vista;
  • B3: chiamata anche niacina o vitamina PP. Utile nei periodi di stress. Importante per la cura della pelle e per facilitare la circolazione sanguigna;
  • B5: nota come acido pantotenico o vitamina W. È una vitamina idrosolubile. Serve per metabolizzare al meglio carboidrati, proteine e grassi. Svolge un ruolo importante nella sintesi degli ormoni e del colesterolo nel sangue. Aiuta a prevenire la stanchezza e migliora la cicatrizzazione di ferite e ustioni;
  • B6: preziosa per rafforzare le difese immunitarie. È importante nella formazione dei globuli rossi e bianchi. Previene l’invecchiamento cerebrale e soprattutto aiuta ad alleviare i dolori mestruali;
  • B7: chiamata anche inositolo. È possibile trovarla negli alimenti ma anche il nostro corpo la produce. È fondamentale per la salute del fegato. Di fatti impedisce i depositi di grassi di accumularsi. Ottima per rafforzare la memoria,
  • B8: chiamata anche biotina o vitamina H o vitamina I. Prodotta in quantità abbondanti anche dalla flora intestinale. Serve per metabolizzare le proteine. Svolge un ruolo importante nella sintesi del glucosio e degli acidi grassi. Utile per la cura dei capelli;
  • B9: nota come acido folico. Utile soprattutto alle donne in gravidanza o nella fase dell’allattamento. Serve a proteggere e sviluppare al meglio l’embrione. Svolge un ruolo importante nella sintesi delle proteine del Dna. Ottima protezione per il cuore;
  • B12: Chiamata anche cobalamina. Partecipa alla sintesi del DNA e dell’RNA. Importante per la formazione del midollo osseo. Inoltre ha un ruolo cruciale nella produzione dei globuli rossi problemi al sistema nervoso.

Vitamine del complesso B, come farne il pieno

Le vitamine B si assumono principalmente attraverso l’alimentazione. I cibi di origine animale che ne contengono maggiori quantità sono: carne di maiale, carni bianche, fegato, latticini (soprattutto nei formaggi), pesce (come salmone, pesce spada e tonno), uova (soprattutto il tuorlo) e yogurt. Invece, tra i cibi di origine vegetale che ne sono più ricchi vi sono: alga spirulina, arachidi, banane, kiwi, legumi, lievito di birra, mandorle e verdure a foglie verdi.

Commenti