Santa Sede: "Serenità istituzionale col governo"

Editoriale del direttore dell'Osservatore romano sull'incontro tra Letta e il Papa a Viterbo: "Clima sereno, dal pontefice richiamo a vivere il Vangelo in solidarietà con tutti". Smentite le voci che parlano di gelo tra Palazzo Chigi e il Vaticano 

Santa Sede: "Serenità istituzionale col governo"

Roma - Il Papa è stato accolto, nella visita di ieri a Viterbo, "dalle autorità civili in un quadro di evidente serenità istituzionale". E' quanto scrive oggi il direttore dell’Osservatore Romano, Gian Maria Vian, in un editoriale. Ieri il papa Benedetto XVI è stato accolto nella città laziale dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, con il quale si è intrattenuto per un breve colloquio.

I rapporti tra Santa Sede e governo A Viterbo il Papa è stato accolto "con cordialità dalle autorità civili in un quadro di evidente serenità istituzionale". "Riprendendo le linee spirituali e pastorali del vescovo dell’antica città già sede pontificia - prosegue il quotidiano della Santa Sede - Benedetto xvi ha sottolineato l’importanza dell’educazione - priorità tanto delle comunità cristiane quanto di tutta la società - e l’urgenza di 'vivere e testimoniare la fede nei vari ambiti della società', indicandone esplicitamente alcuni: l’impegno sociale, l’azione politica, lo sviluppo umano integrale, che è al centro dell’enciclica Caritas in veritate, testo che ha suscitato un larghissimo interesse, anche al di là dei confini visibili della Chiesa cattolica".

Commenti

Grazie per il tuo commento