Scuola Sciopero dei Cobas, a rischio 300 scrutini

La fine dell’anno scolastico non manda in soffitta le proteste del mondo della scuola, e in particolare dei docenti, contro quello che definiscono «il massacro della scuola pubblica», ovvero la riforma delle superiori e i tagli della legge 133. Secondo il coordinamento dei precari della scuola, sono già numerose le scuole a Milano che hanno aderito allo sciopero di oggi e dopodomani, giorni in cui in Lombardia iniziano gli scrutini. L’obiettivo dei promotori dell’iniziativa è di «bloccarne 300 in circa 30 scuole di Milano e provincia». Allo sciopero aderiscono Cobas Scuola, Usi-Ait, Unicobas, Rdb e nella provincia di Milano anche quelle di Slai Cobas, Cub Scuola e Flc Cgil. «Ci aspettiamo buonissimi risultati - affermano dal Coordinamento precari 3 ottobre -. Soprattutto alle superiori. Pensiamo di arrivare al blocco di circa 300 scrutini». A essere colpiti, tra gli altri dovrebbero essere gli istituti Virgilio e Tenca, il classico Tito Livio, il professionale Bertarelli, lo scientifico Marconi e gli istituti tecnici Itsos, Feltrinelli e Marie Curie. L’efficacia dell’iniziativa è data dal fatto che «basta che in consiglio di classe manchi un professore per bloccare lo scrutinio». «Denunciamo non solo gli effetti devastanti della controriforma Tremonti-Gelmini nel mondo dell’istruzione ma anche il più grande licenziamento di massa che l’Italia abbia mai vissuto con la cancellazione, in tre anni, di 150mila posti di lavoro».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti