Il secondo uomo incinto diventerà «mammo» in febbraio

È nato come Jessica, ma prende ormono maschili dall'età di 16 anni: ha però ancora organi sessuali femminili. A complicare la situazione, il marito era nato donna

È «beatamente felice» e pronto a diventare «mammo» nel giro di un mese Scott Moore, il secondo uomo incinto al mondo. Nato come una lei, oggi diventato un lui, il trentenne californiano avrà un figlio insieme al marito Thomas, con cui è legalmente sposato in virtù del suo certificato di nascita femminile.
Entrambi sono transgender, perché anche Thomas si è sottoposto a una serie di interventi per diventare uomo. E ora la gravidanza, con le foto dei due che hanno fatto il giro del mondo sui principali quotidiani e testate online. Il piccolo si chiamerà Miles. «Sappiamo che diverse persone ci criticheranno, ma siamo beatamente felici e non ci vergogniamo affatto», afferma Scott. La coppia ha già due bimbi, Greg di 12 anni e Logan, di 10, figli naturali di Thomas avuti da una donna.
Scott, che per l'anagrafe è Jessica, ha capito di voler diventare un uomo a 11 anni. E ha cominciato a prendere ormoni maschili a 16 anni, dopo aver vinto lo scetticismo dei genitori che inizialmente pensavano fosse diventato matto. E proprio i genitori gli hanno pagato l'intervento per togliere il seno. Scott però non è riuscito a permettersi l'altra operazione necessaria per essere uomo e ha ancora gli organi riproduttivi femminili. Thomas invece si è sottoposto all'intervento lo scorso anno. Il primo uomo a essere rimasto incinto, per quanto è dato sapere, è Thomas Beatie, che nel 2008 ha dato alla luce una bimba.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.