Serialità

The Last of Us e l'infezione da zombie: il fungo esiste davvero

Il responso della scienza sul fungo della serie tv tratta dal famoso videogame: si tratta del cordyceps, un genere che attacca gli insetti (esattamente come in TLOS)

Che cosa c'è di vero sui funghi di "The Last of Us"

Da lunedì è arrivata in esclusiva su Sky e in streaming su Now l'attesa serie "The Last of Us", basata sull'omonimo videogioco acclamato dalla critica sviluppato da Naughty Dog in esclusiva per le piattaforme PlayStation. Una storia che si svolge 20 anni dopo la distruzione della civiltà moderna: il sopravvissuto Joel viene incaricato di fare uscire la quattordicenne Ellie da una zona di quarantena sotto stretta sorveglianza. Un compito ordinario che si trasforma in un viaggio brutale e straziante. Il prodotto con protagonisti Pedro Pascal e Bella Ramsey è stato elogiato dalla critica e per il momento anche dagli appassionati. E c'è un dettaglio che non è passato inosservato: la possibile causa del contagio da cordyceps, il fungo "mutato" che dà il via all'infezione da zombie.

Il fungo di "The Last of Us"

Un fungo innocente all'apparenza, ma in grado di infettare gli esseri umani con le sue spore attraverso una mutazione. Il risultato è mostruoso, da ogni punto di vista. Ma attenzione, il cordyceps non è frutto della fantasia: esiste davvero e vanta più di 600 varianti in tutto il mondo. Ovviamente non ha le stesse "proprietà" del fungo della serie televisiva: nessuna pandemia su scala globale, solo qualche problema per gli insetti.

Il cordyceps è un genere di funghi della famiglia Cordycipitaceae, in grado di attaccare funghi ipogei, ragni e insetti. Si trovano principalmente nel sud-est asiatico e sono noti per il tipo di azione: si impossessa, infatti, degli insetti e li porta ad avere comportamenti insoliti. Il cordyceps assume il controllo di menti e funzioni motorie, arrivando a deformare l'insetto: esattamente come avviene ai mostri ideati dai creatori del videogioco "The Last of Us". A imbattersi nella storia è stato Druckmann, sceneggiatore del videogioco e dell'adattamento televisivo, grazie a un documentario della BBC.

Il cordyceps è innocuo per l'essere umano, anzi viene spesso utilizzato a scopo medicinale: è possibile trovare il fungo all'interno di alcuni integratori alimentari, assicurando maggiore forza e resistenza. Almeno per il momento non ha trasformato nessuno in uno zombie. Inoltre, un recente studio ha confermato la capacità del fungo di rallentare i tumori. E ancora: il cordyceps è elemento protagonista di uno smoothie da 200 dollari firmato da Gwyneth Paltrow.

Commenti