La Settimana chiude con il centro «in festa»

Performance, sfilate all’aperto, negozi aperti fino a mezzanotte. Per chiudere la settimana della moda (e le polemiche), Milano organizza una festa per tutti. L’appuntamento è questa sera, tra le vie del centro e corso Como dove i locali offrono happy hour ispirati al fashion e le boutique tirano tardi. In Galleria del corso alle 19 gli studenti dello Ied diplomati in design di moda presentano le loro collezioni Autunno-Inverno 2010/11 sulle musiche mixate dal dj Dumbo Manfredini. Davanti al porticato del Duomo, sul lato dell’Arengario, sono le note proposte dal dj Mirko Cresta invece ad accompagnare a partire dalle 21 il defilè di Paolo di Landro, che realizza abiti da scampoli di tessuto. Mezz’ora dopo all’Urban Center protagonista lo stilista Paolo Errico. Per quattro ore, dalle 18 alle 22, sotto il portico di via Marconi 2 invece si potrà ammirare l’installazione di abiti e sculture della stilista Sara Lanzi.
La festa per la moda è promossa dal Comune, rientra nel progetto Enjoy promosso in collaborazione con Camera nazionale della moda, Fiera Milano, Unione del commercio. Obiettivo: migliorare l’offerta di servizi per la città. «Dopo l’intenso lavoro per Milano Moda Donna - spiega l’assessore alle Attività produttive Giovanni Terzi - offriamo a tutti una serata dedicata all’intrattenimento, protagonista ancora una volta la moda che si apre alla città, con sfilate e installazioni». E restituisce un pò il «favore» di aver girato con migliaia di permessi, in deroga al blocco delle auto, anche mentre i cittadini erano costretti due giorni fa alla domenica a piedi.
Milano è capitale della moda, e «non solo delle grandi griffe», ma anche quella «più alla portata di tutti, basata su ricerca e innovazione. Parola del sindaco Letizia Moratti, che ieri mattina ha visitato con Terzi i nuovi spazi del salone espositivo «White» di via Tortona 54. Circa 4mila metri quadrati ricavati all’interno delle ex-officine Ansaldo, dal 1990 di proprietà del Comune, che vanno ad aggiungersi a quelli del Superstudio Più, dove abitualmente ha sede White. Arredamento rigorosamente bianco, realizzato con materiali ecocompatibili, riciclati o di recupero, White ospita fino a questa sera le collezioni per l’autunno-inverno 2010-2011 di abbigliamento, accessori, cosmesi e arredamento, per un totale di 350 brand, il 35 per cento dei quali provenienti dall’estero. «Sono molto soddisfatta - ribadisce il sindaco - di aver affidato gli spazi dell’Ex-Ansaldo alla creatività dei giovani stilisti. E’ la mia risposta concreta per sostenere la moda, settore trainante per la nostra città e per il nostro Paese, e soprattutto per dare maggiori opportunità ai giovani talenti e alle loro piccole imprese del fashion». Duemila aziende da tutto il mondo, ha spiegato Terzi, «hanno chiesto di partecipare alla manifestazione, dimostrando come il capoluogo lombardo occupi una posizione centrale nel panorama internazionale».

Commenti

Grazie per il tuo commento