Si può amare l'ambiente senza essere "gretini"

Verrebbe da usare quello slogan abusato: "Bisogna educarli da piccoli"

Verrebbe da usare quello slogan abusato: «Bisogna educarli da piccoli». Gianni Fochi lo sa bene, giacché da oltre trent'anni si dedica a divulgare per il pubblico d'ogni età la scienza, che è stata a lungo la sua professione nell'industria, al politecnico di Zurigo e poi professore alla Normale di Pisa: la chimica. Dopo alcuni saggi popolari, ora ha deciso di affidarsi a uno strumento diverso, quello narrativo.

La casa editrice Carmignani ha appena pubblicato un suo romanzo breve per i ragazzi di dodici-quindici anni: Il chimico segreto. La trama semplice e gradevole porta i giovani lettori a immedesimarsi nel protagonista: Jordie, un americano, coetaneo di Greta Thunberg, che parte da un'associazione ambientalista, di quelle «arrabbiate», per poi via via accorgersi che la realtà è più complessa di certi slogan, e che anche per difendere l'ambiente occorrono conoscenze scientifiche approfondite.

Siamo davanti a qualcosa di nuovo. Questo libro di Fochi può essere, sì, inquadrato nel genere del romanzo di formazione, come segnala uno dei due prefatori; ma, accanto alla maturazione affettiva, si sviluppa una consapevolezza graduale contro corrente rispetto ai mantra del pensiero unico.

La chimica è vista come la peste, il nemico, nella congrega in cui all'inizio Jordie s'impegna con una passione dovuta all'amore non solo per l'ambiente, ma anche a quello per Grace dai capelli rossi, una fanciulla ambientalista d'assalto, senza se e senza ma: quasi una gemella di Greta. Ma la «rossina» non lo degna d'uno sguardo: chissà se quella ragazza sotto sotto una femminilità ce l'ha. La fine non la diciamo, ma per i giovani lettori sarà una goduria.

Fochi si batte da una vita contro i pregiudizi antiscientifici, e il suo tratto è di non fermarsi alla notizia, ma al contrario di puntare a spargere semi di conoscenza, offrendo al pubblico la possibilità di capire e assimilare idee cui magari a scuola non si è prestata l'attenzione dovuta. A maggior ragione, visto il target di questo suo libretto, è molto probabile che i lettori conoscano le parole pH, osmosi, ossidi-di-carbonio e molte altre cui il linguaggio pubblicitario e politico ci ha abituato, ma che hanno una origine «chimica» che Fochi rivela. Mentre la trama scorre leggera e veloce, concetti come questi capitano qua e là. Per non appesantire e spezzettare la narrazione, vengono affrontati a parte, in riquadri con figure e spiegazioni, ridotte all'osso anche se vanno al cuore degli argomenti.

Se avete figli, nipoti o amici con figli sui quali vorreste influire positivamente divertendoli, regalate loro Il chimico segreto: Fochi non vi deluderà neanche stavolta, e i giovani cresceranno con un motivo per ringraziarlo d'averli aiutati a non lasciarsi irretire dai Gretini.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

oracolodidelfo

Dom, 10/05/2020 - 11:23

Sopratutto chi ama l'ambiente si guarda bene dall'essere "Gretino"......

ROUTE66

Dom, 10/05/2020 - 11:51

Gli amici della Greta,sono quelli che intervistati in una Domenica senza auto,ti rispondono quanto è bella la giornata(senza auto). E LA DOMENICA DOPO LI TROVI IN COLONNA SULLA MILANO LAGHI,sia al"andata che al ritorno. 3 (tre) ore di LAGO,5 ore di colonna,(naturalmente tra andata e ritorno)

ziobeppe1951

Dom, 10/05/2020 - 12:00

E adesso che la plastica salverà il mondo (bicchieri di plastica..divisori in plexiglas) ..con chi se la prendera?

Luigi Farinelli

Dom, 10/05/2020 - 12:46

Speriamo Fochi riesca dove non sono riusciti 98 scienziati (VERI) in Italia (500 nel resto del mondo) con un manifesto contro le ideologie. Che riesca cioè a contrastare le epidemie pseudo-ecologiste come quella del "riscaldamento antropico", imposte al mondo dalla cultura dominante attraverso il rimbecillimento mediatico di massa. E' ora che il buonsenso si riappropri dell'Occidente, in mano ad apprendisti-stregoni che si credono novelli Prometeo scimmiottanti Dio, inventandodo filosofie e paradigmi per plasmare il mondo ai loro sporchi interessi mercantilisti. Alla stessa genìa (tutto "progressismo" luciferino) appartengono, come candidamente confessato da uno dei loro rappresentanti, coloro che sono "per l'abbattimento di tutte le remore morali e puntano alla clonazione umana"! Riportare la conoscenza scientifica VERA partendo dai giovani cervelli nelle scuole appare l'antidoto più efficace contro il rincoglionimento ideoogico di massa.

Ritratto di pietrom

pietrom

Dom, 10/05/2020 - 13:51

Cari ecologisti: si puo' dimostrare che il solo, unico, modo di salvare la Natura e l'Umanita' sta nell'utilizzo dell'energia NUCLEARE. Quindi chi e' un vero ecologista non puo' che essere favorevole al nucleare. Domanda: siete ancora ecologisti?

agosvac

Dom, 10/05/2020 - 14:14

Credo bisognerebbe fare una grossa distinzione tra i veri ambientalisti ed i seguaci della piccola Greta. I primi amano la Natura per quello che è con i suoi pregi ed i suoi difetti e cercano di difenderla in ogni modo. I secondi scambiano i cambiamenti climatici con cose che con loro non hanno niente a che fare. Il clima non cambia per effetti dovuti all'intervento dell'uomo, cambia perché è così che deve essere secondo le leggi della Natura. Sono cambiamenti ciclici che ci sono sempre stati e che sempre ci saranno, indipendentemente dal misero intervento dell'uomo. Molti sanno, non Greta perché neanche va a scuola, che la Terra non è sempre stata come è oggi. Molti continenti sono scomparsi sommersi dalle acque, altri sono emersi dagli oceani. Potrebbe succedere di nuovo, ma tra qualche milione di anni.

Giorgio Colomba

Dom, 10/05/2020 - 14:17

Gretini, Santorini ed affini sono la rappresentazione plastica (biodegradabile, s'intende...) dell'antico aforisma di Stanislaw Lec: grande è la forza del nulla, non le si può fare niente.

killkoms

Dom, 10/05/2020 - 14:28

@ziobeppe1951,ma soprattutto guanti monouso!