Smog, cala il pm10 ma non le polemiche

Calano le polveri sottili ma non le polemiche sul blocco del traffico di domenica. Ieri alle 16 le centraline dell’Arpa davano il Pm10 a 21 microgrammi in media misurate tra le centraline in città. Merito del blocco? Forse un pochino sì, ma soprattutto della pioggia battente che da giovedì sera fino a venerdì mattina ha lavato l’aria. La prova? I livelli di smog passati da 81 microgrammi per metro cubo di giovedì ai 30 di venerdì. Aria più pulita quindi, ma non dalla polemiche a partire da quelle sulla validità dei dati forniti dalle centraline dell’Arpa che sembrerebbero sottostimati, addirittura del 40% almeno a leggere il rapporto dell’Ispra realizzato grazie ad un accordo tra Unione europea e Regione. Letizia Moratti liquida con un laconico: «Le centraline non dipendono dal Comune». Anche sui risultati del blocco, cui hanno aderito 169 comuni, si riserva «una lettura dei dati insieme all’Anci, bisogna vedere se da una decisione comune sono arrivati risultati migliori».
Dopo le polemiche sulle deroghe per la moda, la Moratti ha annunciato che le emissioni dei seimila operatori della moda che domenica hanno usato l’auto verranno convertite in piante per il rimboschimento del parco del Ticino. Critiche dal segretario generale dell’Adiconsum di Milano: «Rimane in bocca il sapore amaro delle troppe deroghe concesse. Carenti anche i mezzi pubblici che hanno lasciato a piedi la periferia».

Commenti

Grazie per il tuo commento