Lo spagnolo Montanes dà spettacolo

Incontri combattuti già dal primo turno del challenger AON primo memorial Giorgio Messina. Negli incontri serali, seguiti da un buon pubblico, scarsa fortuna per il livornese Filippo Volandri sorteggiato contro la testa di serie n° 2, il tedesco ventottenne Simon Greul. Tante le posizioni di classifica che separano in due, ma in campo non si vede molta differenza. Volandri, sostenuto dal pubblico, ha giocato un'ottima seconda frazione che gli ha permesso di affiancare Greul. Terzo set decisivo e Volandri cede di misura. L'esordio della promessa bulgara, Grigor Dimitrov, opposto alla n° 7, Daniel Brands, ha avvinto gli spettatori del centrale. Tre tiratissimi set, con il bulgaro in chiaro vantaggio nella terza frazione e rimontato dal tedesco. Sentiremo ancora parlare di Grigor Dimitrov. Per la seconda giornata era atteso l'esordio dello spagnolo Albert Montanes, n° 48 mondiale, opposto al «bufalo» kazako Yuri Schukin in possesso di un servizio devastante. Lo spagnolo, pressato dalla superpotenza di Yuri, ha ceduto il primo set e ha rischiato di uscire subito dal torneo. Con consumata esperienza e tecnica superiore è riuscito a riprendersi nella seconda frazione con il kazako in vantaggio 5/4 e il servizio a disposizione. Anche sul 6/5 Yuri ha sciupato una grossa occasione. Perso il tie-break, per Schukin s'è spenta la luce e ha ceduto anche il possente fisico costringendolo al ritiro dopo il terzo gioco del set finale. Massacrante fatica per il francese Alexandre Siderenko portato al terzo dal qualificato ucraino Artem Smirnov e in campo per oltre tre ore. Il suo avversario odierno, Carlos Berlocq, anch'egli proveniente dalle qualificazioni, ha giocato molto meno e ha eliminato la seconda testa di serie dal torneo, superando in due set l'algerino Lamine Ouahab (n° 8). Non è riuscito nell'impresa il nostro Stefano Galvani. Opposto al russo Evgeny Korolev, testa di serie n° 3, si è aggiudicato nettamente la prima frazione, alimentando le speranze del pubblico. Altrettanto netta la rimonta del russo nel secondo set. Terza frazione con qualche sprazzo per Galvani, ma ormai l'avversario riusciva ad imporre la sua superiorità aggiudicandosi l'incontro. Lotta serrata tra il belga Steve Darcis, testa di serie n° 5, e l'ucraino Oleksandr Dolgopolov Jr. Nella gara di doppio sono approdate ai quarti la coppia croata Dodig-Veic e quella italiana di Trusendi-Fabiano.
Il pubblico segue numeroso e interessato questo torneo, che già dai primi turni offre incontri ad alto contenuto tecnico. È stato molto ammirato lo spagnolo Montanes, nonostante lo spavento creato agli organizzatori per il difficile incontro di apertura. La tecnica personale, la traiettoria di fendenti precisi e vincenti, la sagacia nel rispondere al difficilissimo servizio dell'avversario, fanno intuire che certamente lo avremo fra i protagonisti dell'evento genovese. Insomma i top cento che l'organizzazione ha portato a Valletta Cambiaso sono davvero in grado di accontentare i palati più difficili.