Arriva "Crudelia" con le due Emma da Oscar. "Cerchiamo di capire i motivi della cattiveria"

Stone e Thompson nel film Disney dal 26 al cinema e poi su Disney+

Arriva "Crudelia" con le due Emma da Oscar. "Cerchiamo di capire i motivi della cattiveria"

Emma contro Emma nella Londra anni Settanta del punk.. E sono costumi rutilanti, capelli bicolore, musica degli Stones e parecchia cattiveria, come sempre quando due donne si sfidano. Non a caso s'intitola Crudelia il film Disney diretto da Craig Gillespie, in sala dal 26 e dal 28 sulla piattaforma Disney+ con Accesso Vip, e interpretato da Emma Stone ed Emma Thompson, brave attrici pronte a darsele di santa ragione. Rispettivamente nei ruoli di Crudelia e della sua nemica, la baronessa van Hellman, le interpreti si calano in un blockbuster che indaga le origini del personaggio de La carica dei 101. Dove Crudelia De Mon perseguitava una cucciolata di cani dalmata per farne pellicce.

«Il nostro scopo principale era divertire il pubblico. Esploriamo il lato più oscuro di Crudelia,ma non manca mai il senso dell'umorismo», spiega il regista.

Collegata on line da Los Angeles, Emma Stone, vincitrice di un «Academy» (La La Land), dice la sua scuotendo i lunghi capelli ondulati. «Ho sempre avuto il culto de La carica dei 101 e l'idea d'interpretare Crudelia mi ha emozionato. I personaggi cattivi di solito sono più divertenti, ma ho cercato di comprendere le motivazioni che spingono Crudelia ad agire. Così scopriamo il suo lato oscuro, capendo che si tratta di un essere umano, con debolezze trasformabili in forza. Il mio è un personaggio di donna determinata, autonoma e consapevole. Quale messaggio? Bisogna accettarsi per quel che si è», afferma la tremenda Cruella, come si chiama in inglese. Certo, la 32enne Stone ha goduto non poco a dismettere i panni della brava ragazza di Hollywood, con aspirazioni artistiche, come l'abbiamo conosciuta in La La Land, per indossare quelli della perfida arrivista. Aria spavalda, corsetti di cuoio e guanti neri, da cattivella l'attrice rivela una «verve» brillante.

Anche la 61enne Thompson ha avuto il suo momento di gloria sebbene, dopo due Oscar, non debba più dimostrare nulla -,calandosi nella parte della Baronessa. In collegamento remoto dall'Inghilterra, racconta d'essere tornata adolescente sul set. «Sono cresciuta nella swinging London e per interpretare la Baronessa, simbolo del male, mio marito mi ha consigliato di non recitare, ma di essere me stessa. Scherzi a parte, ho inventato tutto. Circondata com'ero da persone splendide, sia nella vita sia nel lavoro. I veri cattivi sono rari e, per la verità, se ne incontrano parecchi nel mondo dello spettacolo», rivela Emma Thompson, che normalmente indossa scarpe basse, mentre per esigenze di copione ha dovuto issarsi su tacchi altissimi.

E proprio il lato scenografico di Crudelia è un punto di forza di questo film, che oltre a un centinaio di ambientazioni diverse e agli abiti bombastici, si avvale d'una colonna sonora con le hit dell'epoca.

Commenti