Cate Blanchett si ritira dalle scene: "È ora che mi fermi"

L'attrice australiana, alla premier del suo ultimo film a New York, ha rilasciato alcune dichiarazioni importanti sul suo futuro professionale, spiegando di esser pronta a lasciare il mondo del cinema

Cate Blanchett ha deciso di ritirarsi dalle scene. A 50 anni appena compiuti, l'attrice australiana ha deciso di smettere di recitare e di dedicarsi alla sua vita. L'attrice lo aveva già annunciato lo scorso febbraio durante un'intervista a "Interview Magazine". Molti, però, non avevano creduto alle sue parole. Oggi, a distanza di qualche mese, la domanda sul suo futuro professionale torna a farsi interessante e lei, algida ed eterea come in "Elisabeth", ha confermato di non esser tornata sui suoi passi, anzi.

In occasione della presentazione del suo ultimo film, "Where’d You Go, Bernadette" di Richard Linklater, avvenuta a New York pochi giorni fa, Cate Blanchette ha ribadito la sua scelta al settimanale "Vulture" spiegando: "È ora che mi fermi. Totalmente. Assolutamente. E sono sicura che il pubblico di tutto il mondo, quando vedrà questo film, dirà 'Oh, sì. È sicuramente il momento per lei di smettere'. Mi scuso in anticipo". Parole forti, quelle di Cate Blanchett, che non lasciano troppo spazio alle interpretazioni. La Blanchette, che in occasione dell scandalo del MeToo, parlò di coraggio, a febbraio accennò a una crisi esistenziale, incerta sul suo futuro pieno di "perché" e "forse".

A Interview Magazine lo scoros febbraio disse: "Forse è solo il momento di smettere. Lo è davvero. Devo salire di nuovo sul palco in mutande e sto pensando 'Perché? Perché non do solo da mangiare alle galline e leggo Proust?'". Dubbi che oggi, alla vigilia dell'uscita nelle sale di tutto il mondo del suo film, riportano al suo ultimo personaggio in "Bernadette" (tratto dal romanzo di Maria Semple del 2012) nel quale interpreta il ruolo di un architetto in preda a una crisi artistico-esistenziale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.