Corona deride Salvini: "Lui ministro dell'Interno è come se io andassi alla Giustizia"

All'ingresso in tribunale per il processo di appello, Fabrizio Corona parla di politica: "Con i ministri che ci sono adesso potrei essere premier anche io"

Corona deride Salvini: "Lui ministro dell'Interno è come se io andassi alla Giustizia"

Fabrizio Corona torna in tribunale e, oltre agli attacchi alla Procura, ora parla anche di politica. E si scaglia contro il neonato governo Conte, proprio mentre a Palazzo Madama il Presidente del Consiglio sta presentando il programma ai senatori.

"Io non mi sento rappresentato da Di Maio e da Salvini - ha detto l'ex fotografo dei vip - Se Salvini può fare il ministro dell'Interno, è come se io diventassi ministro della Giustizia, uguale. Se entrassi in politica prenderei più di Di Maio e Salvini messi assieme". E ancora: "Con i ministri e i presidenti del Consiglio che ci sono adesso potrei dare il premier anche io".

Corona si trova in Tribunale per il processo d'appello a suo carico che riguarda quei 1,7 milioni di euro che sono stati trovati nel sia controsoffitto della casa della sua collaboratrice Francesca Persi che in due cassette di sicurezza in Svizzera. In primo grado a giugno del 2017 era stato condannato a un anno per reati fiscali legati al mancato pagamento delle imposte da parte della sua società Atena (ma era stato assolto dalle accuse di intestazione fittizia dei beni) a fronte di una richiesta di 5 anni da parte della Procura.

Recentemente per Corona la pressione giudiziaria si è notevolmente allentata. Dopo la scarcerazione, i giudici gli hanno permesso anche di tornare ad utilizzare i social network e a rilasciare interviste. Ed ecco che Corona sta lavorando a un programma televisivo. Di cosa si tratta? Secondo le prime indiscrezioni, dovrebbe vertere su un tema che lo ha toccato da vicino negli ultimi tempi. Ovvero su chi viene arrestato e finisce in carcere ingiustamente.

Intanto, nel suo breve colloquio con i cronisti, Corona è andato anche all'attacco della Procura di Milano per volontà del pm Paolo Storari. "Questo atto di appello è vergognoso e ve lo dimostrerò - ha detto - La differenza è che prima non potevo camminare, parlare e difendermi ora lo posso fare". "In quell'atto - sostiene l'ex fotografo - ci sono bugie e falsità che sono querelabili da parte dello stesso Tribunale" (guarda qui il video).

Di fronte ai giudici in aula, oggi Corona dovrebbe fare delle dichiarazioni spontanee. "Sono preparatissimo sul mio processo - ha detto - in questo anno di galera ho imparato il codice penale a memoria e il diritto penale a memoria. In tutti gli altri paesi europei la Procura non può impugnare una sentenza di assoluzione".

Commenti

Grazie per il tuo commento