Coronavirus, ricoverato in ospedale il giornalista Larry King

Il giornalista, 87 anni, è ricoverato da una settimana in una clinica di Los Angeles. Preoccupano le sue condizioni di salute dopo l'ictus e il cancro ai polmoni che lo avevano colpito nel 2019

Larry King, star dei talk show della CNN, è ricoverato in gravi condizioni al Cedars Sinai Medical Center di Los Angeles. La notizia è trapelata da Roger Friedman, critico cinematografico americano, che attraverso il sito di informazione Showbiz 411 ha annunciato il ricovero del celebre giornalista.

"Larry King è sopravvissuto a tutti i tipi di problemi di salute, inclusi un infarto e un ictus. Se qualcuno può battere il Covid questo è Larry", ha scritto Friedman sul web, svelando che il popolare volto della CNN è risultato positivo al coronavirus poco prima di Natale. Subito dopo la scoperta del contagio l'87enne è stato ricoverato nella clinica dei vip a Los Angeles. Le sue pregresse condizioni di salute, infatti, lo rendono un soggetto a elevato rischio. King soffre di diabete di tipo 2 e ha una lunga storia di problemi medici, tra cui diversi attacchi di cuore e un cancro ai polmoni e alla prostata e un ictus che lo aveva colpito nel 2019.

Larry King è una leggenda della televisione americana. Con il suo talk show sulla CNN "Larry King Live" ha intrattenuto i telespettatori per 25 anni, intervistando star del calibro di Frank Sinatra, Marlon Brando ma anche presidenti e capi di stato che hanno fatto la storia. Ritiratosi dalla scena televisiva nel 2010, King ha proseguito le sue celebri interviste sul web nel nuovo format "Larry King Now". Poche e frammentate le notizie sul suo ricovero in ospedale. Dal giorno del suo ingresso al Cedars Sinai Medical Center la famiglia non ha potuto più incontrarlo. I figli Cannon, 20 anni, e Chance, 21 anni, e l'ottava moglie, Shawn King, non sono autorizzati a far visita all'uomo a causa dei protocolli Covid.

Il 2020 è stato un anno terribile per Larry King, che in estate aveva dovuto dire addio a due dei suoi cinque figli, morti a poche settimane l'uno dall'altra. Il primogenito Andy King è morto di infarto a 65 anni e la figlia Chaia King è morta di cancro ai polmoni a 51 anni a luglio. "Con tristezza e il cuore spezzato di un padre, perderli sembra inaccettabile e doloroso. Nessun genitore dovrebbe seppellire un figlio", aveva scritto su Instagram Larry King.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ruggerobarretti

Dom, 03/01/2021 - 12:45

Ictus, cancro ai polmoni, quindi praticamente un derelitto, poverino, si fa il titolo per il covidde. E le tante Dolly ancora belano!!!!

Savoiardo

Dom, 03/01/2021 - 13:32

Bisogna essere realisti ,cari politicamente corretti.Non sembra che abbia vissuto pochi anni, o deve arrivare ai 120 anni ipotizzati ?

ROUTE66

Dom, 03/01/2021 - 13:44

Manca solo un colpo di pistola,forse li il CORONAVIRUS NON ha colpe