Platinette senza giri di parole: "Utero in affitto? Come stupro"

Dopo l'intervista rilasciata da Platinette in merito a una serie di riforme che riguardano la comunità LGBT, il celebre trasformista è sui social che risponde alle critiche ricevute in una serie di video piccanti e pungenti

Ha creato grande scompiglio l’intervista che Platinette, all’anagrafe come Mauro Coruzzi, ha rilasciato a La Verità. Un’intervista chiara e precisa, di cuore e di pancia, in cui il celeberrimo anticonformista delle reti Mediaset ha espresso il suo parere (negativo) in merito al DLL Zan, tutt’ora in fase di discussione. Come’era previsto, le dichiarazioni di Platinette non sono passate di certo inosservate e hanno messo in moto una lunga scia di polemiche tra i fili del web. Polemiche che, a 24 ore dalla pubblicazione dell’intervista, ancora non si sono fermate. E ora, appeso al chiodo gli abiti estrosi e scintillanti di Platinette, è Mauro Coruzzi che sui social prende la parola. Nel corso delle ultime ore, infatti, sui Instagram, il celebre artista ed ex giudice di Amici, in una serie di video, risponde con toni piccati alle critiche ricevute dopo la turbolenta intervista che è stata pubblicata lunedì 6 luglio.

"Sono felice che ci sia una legge sulle unioni civili, ma posso aggiungere che non mi riguarda? – esordisce -. In quell’intervista ho espresso solo la mia opinione. E io non rinnego niente. Sono parole forti che, sì, hanno un fondo di verità. Se dobbiamo spiegare un’opinione proprio perché non è conforme, vuol dire che l’esercizio sulla democrazia non ha senso", ha precisato Platinette. Ma non è finita qui. I video snocciolano per filo e per segno tutti gli argomenti caldi che lui stesso ha trattato durante quell’intervista choc. "Non avevo nessuna intenzione di sottolineare il fallimento delle unioni civili – aggiunge -. Ho una convinzione che mi dice che tutti i giorni non voglio far parte di un mondo che non mi appartiene. Sono felice per la legge, ma dall’alto della mia veneranda età, posso dire che questa legge non cambierà i comportamenti?"

E poi, si è affrontato anche un altro argomento molto spinoso e controverso. Quello dell’utero in affitto. "Non ho la leggerezza e il coraggio di avere un figlio per casa, frutto magari di un utero in affitto. È più violento di uno stupro – afferma a gran voce -. Paghi una donna perché si è in cerca di qualcosa che possa essere la nostra immagine riflessa. Poi questa persona per te non è più niente". Parole molto chiare quelle di Platinette. "Se dobbiamo morire di pensiero dominante allora moriamo e facciamola finita. Non prendiamo nemmeno le precauzioni con il distanziamento fisico", ha concluso. I video in questione hanno superato le tremila visualizzazioni, ma la polemica non si è di certo affievolita.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di theRedPill

theRedPill

Mer, 08/07/2020 - 10:25

Le sinistre quando fa comodo urlano per la democrazia, cioè per avere la dittatura della maggioranza, poi quando fa meno comodo la abiurano; ora siamo a discutere di questioni che impattano meno del 10% della popolazione, per cui la maggioranza è contraria e che comunque è già gestita dalle leggi attuali. Ha ragione Coruzzi/Platinette, l'utero in affitto è un abominio voluto da maschi (ma in alcuni casi anche femmine) che vogliono un figlio sfruttando le donne in situazioni di debolezza.

sullarivadelfiume

Mer, 08/07/2020 - 10:26

Evvai Totonno, ecco un altro dei tuoi articoli adorati puntualmente da leggere sotto l'ombrellone mentre c'è benaltroacuipensare.

Ritratto di Don Sergio Simonetti

Don Sergio Simonetti

Mer, 08/07/2020 - 10:47

Caro Mauro Coruzzi, tu pensi! Questo è l'incredibile: il pensare, in autonomia, come persona libera che si determina libermente. Per questo il non-pensiero dominante ti fustighera. Però coraggio: anche se non condivido la tua scelta esistenziale, approvo incondizionatamente la tua onesta e libertà.

Calmapiatta

Mer, 08/07/2020 - 10:50

L'utero in affitto è una barbarie. La vita non può essere procreata per procura. Non è umano, non è civile è sperequativo. Chi ha i soldi può prendere in affitto il corpo di chi soldi non ne ha. Squallido, la vita non può cominciare in questo modo.

Ritratto di navajo

navajo

Mer, 08/07/2020 - 10:59

Poi ci sono i cattocomunisti praticanti, più ciechi di una talpa, che si permettono anche battute di spirito, se gli parli di Principi NON Negoziabili.

lorenzovan

Mer, 08/07/2020 - 11:52

ecco i fedeli cattolici...che pero' prendono la religione cristiana ..."a la carte" come nei menu' del ristorante...scelgono nquello che vogliono..il resto che non gli piace lo lasciano in cucina..tipo l'accoglienza dei poveri e dei derelitti..o la divisione delle ricchezze... PS per evitare confusioni..Sono ateo..non accetto l'emigrazione illegale.. ne chi la favorisce...ma pure non accetto l'ipocrisia galoppante dei cosidetti " cattolici"

rudyger

Mer, 08/07/2020 - 11:54

Il Potere di gay e lesbiche sta infettando questa nostra società. Si sono appropriati di Gramsci: entrare piano piano in tutti i gangli della società, in primi stampa, cinema , TV e sopratutto nella scuola.

frabelli1

Mer, 08/07/2020 - 12:53

Sono d’accordo. Vendere l’utero lo fanno le prostitute per far divertire i clienti, venderlo per far crescere un bambino che viene cresciuto da una madre che poi lo vende o ha preso già i soldi per darlo via è la cosa peggiore che una donna possa fare, un atto contro ogni senso materno e amore per i bambini. Una vera brutalità! È qui che i ricchi possono fare quello che vogliono mentre gli altri, no. È un abuso morale e fisico.

Ritratto di pipporm

pipporm

Mer, 08/07/2020 - 14:13

Una sciocchezza!!!! Se c'è volontà non è stupro

paladin

Mer, 08/07/2020 - 16:34

Platinette non si rende conto che se si accetta il principio della legalità delle unioni gay tutto il resto viene automaticamente. Perché essere uniti e non avere figli. Siamo peggio di Sodoma e Gomorra; faremo la stessa fine.