Cultura e Spettacoli

Caos al porto per il traghetto. L'ex Gf urla senza mascherina: finisce male

Altra ribellione ideologica per Daniela Martani, che stavolta ha bloccato un traghetto in Sardegna perché si è rifiutata di indossare la mascherina in auto al momento dell'imbarco. Inutili le proteste di chi doveva andare a lavorare

Caos al porto per il traghetto. L'ex Gf urla senza mascherina: finisce male

Daniela Martani ormai è nota per le sue proteste e provocazioni via social. Salita alla ribalta per la partecipazione al Grande Fratello, poi è diventata la pasionaria di Alitalia. Questa sua vena polemica, spesso impiegata a sproposito, le ha fatto guadagnare negli anni qualche ospitata televisiva in veste di opinionista ma sono i social network il suo terreno di battaglia preferito. Qui si lancia spesso in invettive contro i personaggi famosi, denuncia quelli che per lei sono soprusi ed è tra le capofila dei complottisti del web. L'ultima polemica accesa sul suo profilo Twitter è relativa alla mascherina, una protesta "di principio" della Martani che ha portato al ritardo in partenza di un traghetto in Sardegna.

È la stessa Daniela Martani a riprendere tutto con il suo telefono, per poi postare il video su Twitter. La notte tra il 14 e il 15 agosto, Daniela Martani si trovava all'imbarco dei traghetti del porto di La Maddalena, cittadina dell'omonima isola. Da qui partono gli unici traghetti che, in circa 40 minuti, collegano la principale isola dell'arcipelago gallurese all'isola madre, tramite il porto di Palau. Giunta al momento dell'imbarco, l'attivista si è fermamente rifiutata di indossare la mascherina in auto. A quel punto è stata fermata dai marittimi della compagnia di navigazione, che le hanno negato l'imbarco. Sono stati lunghi minuti di discussione, con gli addetti del traghetto che dovevano calmare le ire di Daniela Martani e cercare di continuare le operazioni di imbarco degli altri automobilisti, bloccati dalla ribellione dell'attivista. "La compagnia di navigazione Delcomar ha cercato di impedirmi di salire a bordo della nave perché mi sono ribellata alla richiesta di indossare la mascherina nella mia macchina per mostrare il biglietto", ha scritto Daniela Martani nel suo tweet. In un post successivo ha rincaratola dose: "La mascherina in macchina non è obbligatoria. Lobotomizzati!!!"

Il video pubblicato da Daniela Martani presenta alcuni tagli ma tra le urla dell'attivista si sentono chiaramente i marittimi che minacciano di chiamare i carabinieri per porre fine a una situazione che stava causando un disservizio al porto e agli altri passeggeri in attesa. Le persone presenti al porto invitano la donna alla calma e la informano che la sua condotta potrebbe causarle una denuncia per interruzione di servizio pubblico ma nemmeno questo sembra avere effetto su Daniela Martani, che continua con la sua rumorosa protesta minacciando a sua volta una denuncia perchè la compagnia "non rispetta i dpcm del governo". Inutili anche le garbate proteste di un altro passeggero, che invita la donna a seguire le indicazioni fornite dalla compagnia. "Io devo andare a lavorare, ho un impegno di lavoro, faccia la cortesia. Stanno aspettando me per aprire a Palau", dice l'uomo con fare gentile, mentre la Martani a gran voce continua nella sua protesta di principio, con tanto di "non mi interessa" rivolto al lavoratore che la invitava a sbloccare la situazione.

Il traghetto da La Maddalena a Palau è l'unico mezzo a disposizione dei cittadini locali per raggiungere la sponda sarda e sono numerosi i pendolari che lo utilizzano quotidianamente per recarsi a lavoro. Comprensibile la reazione, seppur pacata, dell'uomo, visto che il comportamento di Daniela Martani, semplice turista sull'isola, stava bloccato un mezzo pubblico per una semplice rimostranza ideologica. Per lunghi minuti il traghetto è stato ostaggio delle grida di Daniela Martani sulla rampa carrabile. Ha inveito contro i marittimi chiedendo loro dimostrare il regolamento che le impone di indossare la mascherina in auto, nonostante le sia stato mostrato il cartello posizionato alla bocca dell'imbarco a bordo.

Ha urlato in faccia a un lavoratore che gentilmente chiedeva la cortesia di seguire le indicazioni dei marittimi per permettergli di arrivare sul posto di lavoro. Anche per questo i social non le hanno risparmiato critiche e biasimo.

Commenti