E la Lucarelli difende Gnocchi: ​"Il mio cane si chiamava Duce"

Selvaggia Lucarelli difende Gene Gnocchi. Il comico è finito nella bufera dopo la battuta sul "maiale" e Claretta Petacci commentando il degrado di Roma

E la Lucarelli difende Gnocchi: ​"Il mio cane si chiamava Duce"

Selvaggia Lucarelli difende Gene Gnocchi. Il comico è finito nella bufera dopo la battuta sul "maiale" e Claretta Petacci commentando il degrado di Roma a causa dei rifiuti. Il comico è stato invitato a scusarsi sia da detsra che da sinistra e perfino la Boldrini ha criticato le sue parole. Ma Selvaggia no, lo difende e lo fa sul sito che dirige, Rolling Stone: ". "Gene Gnocchi non lo meritate".

Poi cita una sua storia personale legata a un cane: "Sembra una storia comica o inventata per l’occasione, ma io ho avuto un cane che si chiamava Duce". E ancora: "Era tutto nero, mio fratello ha avuto un periodo demenziale-fascista nell’adolescenza e mentre noi altri pensavamo ai soliti Bobby, Nerino e Jack, lui prese a chiamare il nuovo arrivato Duce". Poi spiega il rapporto tra la sua famiglia e quel cane che ricordava nel nome Mussolini: "Detestavamo tutti quel nome, i miei gli davano dell’ imbecille, ma alla fine vinse lui, perché il cagnolino, ormai, vittima della propaganda fascista del fratello maggiore che lo corrompeva a suon di biscotti e frattaglie, rispondeva solo al nome “Duce”. Mio fratello derideva il Duce? No, purtroppo. Lo omaggiava". Infine sottolinea: "Gene Gnocchi non lo meritate". Intantoi su Change.org è nata una petizione per chiedere la rimozione del comico dalla copertina di Di Martedì, il prgramma di La7 condotto da Giovanni Floris. Sono già state raccolte 2883 firme.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti