Fabrizio Corona dopo la sentenza: “Sentirete presto parlare di me”

Parla Fabrizio Corona dopo la sentenza della Cassazione a suo favore. E si augura giustizia per la sua causa

Fabrizio Corona dopo la sentenza: “Sentirete presto parlare di me”

Ha vinto, Fabrizio Corona, la Cassazione ha dato ragione all'ex re dei paparazzi che non dovrà scontare altri nove mesi per la revoca dell’affidamento in modo retroattivo. E dopo aver lanciato un messaggio il giorno prima della sentenza a Live non è la D’Urso, è tornato anche questa settimana con un video per raccontare le sue sensazioni dopo questa sentenza.

Ma prima di questo a parlare è la persona che al momento sta più vicino all’ex Re dei paparazzi, si tratta del suo personal trainer Nathan che racconta come Fabrizio si sia sentito molto sollevato: “Questa ultima carcerazione è stata la più pesante lui, me lo dice sempre, eravamo insieme anche il giorno che è stato arrestato, dopo venti minuti che ci eravamo allenati sono venuti a prenderlo. E’ stato un fulmine a ciel sereno. E’ rimasto nove mesi in cella senza neanche usufruire dell’ora d’aria

Ma nel videomessaggio che Corona ha lasciato c’è una nota amara su tutta questa vicenda. “Se mi chiedete se sono felice della sentenza che c’è stata devo dire la verità, non sono felice. Sono sollevato, mi sono tolto una preoccupazione, un peso dallo stomaco, perché non sempre le cose sono andate come dovevano andare. Per me questi nove mesi erano fondamentali, per vedere la luce e per risistemare un po’ una una volta per tutte la mia situazione giudiziaria”.

Racconta Corona con la faccia seria e molto provata: “Alla luce anche della sentenza che c’è stata venerdì pomeriggio sulla situazione dei soldi, per il processo del 2016, il famoso processo dei soldi, che mi ha portato in galera con un’accusa gravissima, associazione a delinquere, indagato dalla dda di Milano, credo che oggi bisogna fare una rivisitazione di tutto ciò che è stata la mia vicenda e la mia storia giudiziaria, alla luce di tutto quello che ho scontato, di come è cominciata, di come è proseguita, della galera che ho fatto, di cosa è successo e di anche, soprattutto, di quello che ho vissuto, perché tra una cosa e un’altra solo in ballo da quattordici anni, ho perso la libertà più di nove anni fa, credo di aver pagato, di aver fatto un percorso, che oggi mi è servito.

Nessuno di voi potrà mai capire quello che ho dentro - continua Corona - però vorrei che venissero rivisti parecchi dei giudizi etico-morali, che mi sono stati dati e che si possa guardare effettivamente nella parte oggettiva di ciò che è stata la mia vicenda giudiziaria. Sto scontando, sto rispettando le regole, sconto ormai da tanti anni, credo di essere cambiato e che quest’ultima carcerazione mi abbia lasciato dentro qualcosa di indelebile, di unico che mi porto dentro e che non riesco a far capire.

Spero di poter riacquistare la mia libertà presto, farò di tutto perché non vedo l’ora ddi poter portare mio figlio a girare per il mondo cosa che ci siamo promesso da tanto tempo. La prima cosa che faremo sarà quella di andare a farci un bagno al mare, perché per noi che abbiamo perso la libertà e in pochi mi possono capire, il mare rappresenta la cosa più bella che c’è. Vi ringrazio tutti, ai tantissimi che mi sono stati vicini, tutti questi anni con grandissimo affetto, e vi dico che la mia storia non è finita, anzi sentirete presto parlare di me”.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento