"Nessun invito", "Clima infame". Ed è guerra tra Favino e la Lega

Pierfrancesco Favino provoca Matteo Salvini a Festival di Venezia prima della proiezione di Padre Nostro e la Lega accusa l'attore di creare un clima "infame e ostile"

La Mostra del cinema di Venezia è il primo grande evento italiano dopo il lockdown. In Laguna si cerca di ritrovare il clima leggero, scanzonato e festante delle scorse edizioni ma è difficile. sui red carpet gli abiti di gala non mancano ma quest'anno c'è l'immancabile presenza della mascherina, che le star esibiscono nelle fogge più disparate e originali. L'unica cosa che, soprattutto in clima elettorale, sarebbe stato meglio non portare a Venezia è la politica. Invece, complice l'annuncio che Matteo Salvini sarebbe arrivato in Laguna per assistere alla proiezione di Padre Nostro, Pierfrancesco Favino non ha mancato di provocare il leader della Lega, a Venezia in veste di privato cittadino.

L'attore e conduttore, protagonista della pellicola, ha voluto specificare di non aver invitato Matteo Salvini: "Non l'abbiamo invitato, credo che ciascuno sia libero di andare alle proiezioni. Conoscendo la sua capacità di saperci essere in un momento importante, mi fa piacere". Non pago di quanto dichiarato, Pierfrancesco Favino è andato anche oltre, lasciando intendere che il leader della Lega fosse lì in azione di propaganda: "Se devo ragionare in termini di manipolazione, non credo che questo sia un film che dia questa possibilità, non è manipolabile". Un'accusa forte, che si basa sull'appoggio che Matteo Salvini ha sempre fornito alle forze dell'ordine e ai militari del nostro Paese, impegnati nel mantenimento della sicurezza e dell'ordine pubblico, anche se troppo spesso messi alla gogna. "Non è un film pro poliziotti o pro Nap", ha concluso Pierfrancesco Favino. Il racconto di Padre Nostro ha come sfondo gli anni di piombo in Italia e, nonostante la provocazione a Salvini, l'attore e co-produttore ci tiene a specificare che "la nostra urgenza fosse raccontare quegli anni, ma l'infanzia in quegli anni, lo sguardo di un bambino e credo che il film ci riesca. Il messaggio politico credo che stia proprio in questo".

Matteo Salvini è arrivato in Laguna con la fidanzata Francesca Verdini nel tardo pomeriggio di ieri. Elegantissimo, ha preferito non raccogliere la provocazione di Pierfrancesco Favino. "Mi fa piacere vedere un film italiano, con attori italiani, con produzione italiana, che racconta una storia italiana, di anni difficili, per cui mi sono ritagliato due ore di tempo in questo periodo complicato e intenso", ha semplicemente dichiarato il leader della Lega, dopo aver scherzato sulla mascherina, indossata poco prima di entrare all'Hotel Excelsior. È Gianmarco Senna, consigliere in Regione Lombardia in forza alla Lega ad alzare la voce su Twitter contro l'attore: "Ma è normale che Salvini si presenti come privato cittadino alla prima di un film con la sua compagna, e l’attore di quel film si senta in obbligo di specificare che non ha invitato lui Salvini? Un clima infame e ostile!".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

marcs

Sab, 05/09/2020 - 13:40

Scusate la domanda: ma salvini è per il PRESIDENZIALISMO o per il PRESESENZIALISMO. A me pare più per la seconda....

Ritratto di Candidoecurioso

Candidoecurioso

Sab, 05/09/2020 - 13:40

Beh, se uno vuole fare cinema in Italia DEVE essere di sinistra, altrimenti non vedrà più un euro di tutte le sovvenzioni che girano, non lavorerà più con i registi "giusti" e non sarà più invitato nei giri degli "artisti". Ammiro Favino e credo che non sia così naif da non capire che questa mossa, a pochi giorni dalle regionali, sarà ripagata, prescindendo da come la pensi, che credo non lo sapremo mai

MammaCeccoMiTocca

Sab, 05/09/2020 - 13:45

Non mi è mai piaciuto, non mi piace, non mi piacerà mai e non andrò mai a vedere i suo film. se va in tv cambio canale. FINE.

marinaio

Sab, 05/09/2020 - 13:50

Il povero Favino è convinto di essere lui il padrone di casa! Ahahah!

Ritratto di Ludovicus

Ludovicus

Sab, 05/09/2020 - 13:52

Mah, un tweet di disapprovazione da parte un attore cosi' mediocre come Favino direi che non vale nemmeno il tempo passato a leggere il tweet.

antoniopochesci

Sab, 05/09/2020 - 13:59

Troppo ghiotto il bocconcino Salvini perché il sig. Favino non lo addentasse per fare la solita professione di fede verso la Chiesa Madre cui sono condannati i cosiddetti artisti dello spettacolo, un'altra delle lobby de sinistra che te dà da magnà!

Giorgio Colomba

Sab, 05/09/2020 - 14:10

Parafrasando Apelle: Favino, non andare oltre il set.

ST6

Sab, 05/09/2020 - 14:16

...E anche oggi non si lavora, eh mattè?

routier

Sab, 05/09/2020 - 14:25

Favino chi?

maurizio-macold

Sab, 05/09/2020 - 14:26

A casa mia invito chi mi pare ed io uno come Salvini non lo inviterei MAI. Se il Salvini vuole vedere la proiezione si procuri il biglietto, tanto siamo noi contribuenti a pagargli stipendio (favoloso) e benefits vari.

Ritratto di Marving

Marving

Sab, 05/09/2020 - 14:33

Complimenti Sig. Favino per aver perso una grande occasione per essere un attore e non un lacchè politico. Per l’ennesima volta segnalare che si è sinistri è più importante di quello che si fa, pensi quanto sarebbe stato bello parlare della sua recitazione, del contenuto del film, degli anni difficili del nostro paese, invece di dissertare su chi aveva o no invitato il nemico di turno. Anche lei come tutti i sinistri producete quantità industriale di parole senza che mai una di essere sia diventata azione concreta, peccato da lei ci si aspettava un salto di qualità.

kayak65

Sab, 05/09/2020 - 15:02

Favino fai l'attore .la sinistra non paga .mai. quindi regolati e stai lontano dai radical chic . palloni gonfiati di ipocrisie buoniste ma sostanzialmente squali feroci nello sbranare i meno abbienti

maurizio-macold

Sab, 05/09/2020 - 15:10

Aggiungo che oltre al Salvini io non inviterei mai a casa mia gente come MARVING, ROUTIER, ANTONIOPOCHESCI, LUDOVICUE, MARINAIO, Candidoecurioso, ecc. Gli odiatori seriali ed i qualunquisti proprio non li sopporto.

Seawolf1

Sab, 05/09/2020 - 15:19

Favino chi?

ziobeppe1951

Sab, 05/09/2020 - 15:25

MAGOLD...hai dimenticato di elencare anche me... comunque è una cosa reciproca.. nessun odiatore seriale komunista è MAI entrato in casa mia

Ritratto di babbone

babbone

Sab, 05/09/2020 - 15:27

il messaggio politico del film è palese.

Maura S.

Sab, 05/09/2020 - 15:34

maurizio-macold e lei pensa che se avesse il coraggio di invitare tutti quelli menzionati come pure SALVINI, che accetterebbero il suo invito? = Mj faccia il piacere =, come diceva un grande del cinema !!!

Happy1937

Sab, 05/09/2020 - 15:43

Favino è un bravo attore, ma fa pure parte del deteriore interessato culturame di sinistra.

Brutio63

Sab, 05/09/2020 - 15:44

Mediocre attore politicamente corretto che pende a sinistra con sdraio a Capalbio che fa tanto radical chic, penoso giullare dei compagnucci di merende orfanelli del muro di Berlino e democratici come lo era la DDR

carpa1

Sab, 05/09/2020 - 16:00

Lui non l'ha certo invitato e non si fa fatica a credergli ma, come tutti i guitti, sa usare chi detesta per aumentare la pubblicità a proprio favore ed i giornaloni abboccano e fanno da cassa di risonanza. Salvini ha forse detto di essere stato invitato? Certo che no; però lui, il Favino di turno, si è sentito il dovere di sollevare il problema col solo scopo di dirottare l'attenzione su di sè dal momento che qualcuno si è permesso di mettere in evidenza che il Salvini è comparso a Venezia. DEPRIMENTE QUESTA SINISTRA VIP.

Ritratto di Candidoecurioso

Candidoecurioso

Sab, 05/09/2020 - 16:01

@maurizio-macold : grazie per avermi inserito nella sua lista di proscrizione. Meglio qualsiasi "inferno" all'ignavia dei pecoroni.

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Sab, 05/09/2020 - 16:02

Savino é un bravissimo attore. E come tale sa recitare benissimo, soprattutto seguendo gli ordini dei suoi padrini politici.................la sua parte è recitata da moltissimi altri attori e attrici le cui carriere dipendono dai finanziamenti di Fondazioni, Associazioni, Sindacati e Patronati, tutti rigorosamente in quota PD e dalle Commissioni Cultura anch'esse spargitrici di denaro e contributi. Il mondo della Cultura si abbevera costantemente alla stessa fonte: la Sinistra.

BEPPONE50

Sab, 05/09/2020 - 16:28

Per Lui tutti i luoghi sono buoni per la Campagna Elettorale andrebbe anche ai Funerali

Cheyenne

Sab, 05/09/2020 - 16:29

FAVINO ? MA CHI E'?

marc59

Sab, 05/09/2020 - 16:35

Anche le pulci parlano.

Fjr

Sab, 05/09/2020 - 16:47

Sordi avrebbe fatto una delle sue storiche risate e l’avrebbe chiusa li’,ma Sordi era Sordi......

Tizzy

Sab, 05/09/2020 - 16:54

Un vero artista non si dovrebbe MAI schierare così apertamente ed in modo così meschino verso una corrente. Poi alle urne facciano quel che vogliano...Oppure si cambia mestiere e si fa politica, ma comunque l'avversario si combatte nel fare meglio, non nell'offesa gratuita e soprattutto non in una mostra.... Il cinema è di tutti , il pubblico è centro, destra,sinistra.... Che si impegnino di più a recitare a cantare etc...Che la politica fa già pena di suo.....

gigi0000

Sab, 05/09/2020 - 17:17

Il buongusto avrebbe consigliato di evitare la propria presenza alla prima di un film con potenziali risvolti politici, ma il buongusto è anche e soprattutto questione d'intelligenza. La fanfaronata del film italiano è miserrima: anche in questo caso il buongusto avrebbe suggerito una scusa più plausibile. Ma anche in questo caso sarebbe stato necessario dire la verità a cui taluni sono allergici.

cgf

Sab, 05/09/2020 - 17:20

Non è un episodio isolato, adesso perché ha fatto un film 'sto favino critica tutto/i. SE POI VOGLIAMO TENERE CONTO CHE ALLA PROIEZIONE CI SI VA SOLO ED ESCLUSIVAMENTE CON INVITO… non è questione di presenziare, magari chi non c'è e vede Salvini che rosica.

Mr Blonde

Sab, 05/09/2020 - 17:25

Cheyenne salvini chi é altri che favino, il miglior attore italiano contro uno che non ha mai lavorato un gg in vita sua che gira l'Italia a magnà e beve...

Sessantottino

Sab, 05/09/2020 - 17:33

E meno male che il film parla dei NAP, terroristi di sinistra!

caren

Sab, 05/09/2020 - 17:57

Penso che Salvini sia veramente andato al Festival per vedere il film e basta, caro Favino. Capito?

Maura S.

Dom, 06/09/2020 - 13:29

Mr Blonde, come, d'altronde fanno tutti i suoi simili. Almeno Salvini cerca di liberarci dai nullafacenti abbronzati e altro, mentre i suoi stellati assieme ai sinistroidi stanno avviando il nostro paese, già in caduta libera, alla vera bancarotta.