Foto choc di Gessica Notaro dopo l'attacco con l'acido: "Mi ha salvato la mia follia"

Gessica Notaro è tornata a parlare del drammatico atto di violenza subito anni fa, pubblicando sui social uno scioccante scatto fatto il giorno dopo che il suo ex fidanzato la sfregiasse con l'acido

Foto choc di Gessica Notaro dopo l'attacco con l'acido: "Mi ha salvato la mia follia"

Le mani alzate in segno di forza e il volto completamente bendato a causa delle ferite provocate dall'acido. Così si è mostrata sui social Gessica Notaro in un post che ricorda quando, nel 2016, venne aggredita con violenza inaudita dall'ex fidanzato. La showgirl riminese ha deciso di postare questo scatto inedito sul suo profilo social, ricordando quanto doloroso fu quel momento, ma anche quanto la sua innata follia e voglia di vivere l'abbiano salvata dal quell'incubo.

Dopo la brutale aggressione da parte suo ex fidanzato, che la sfregiò con l'acido, Gessica Notaro non si è mai vergognata di apparire sfigurata. Un anno fa scelse di mostrarsi senza la sua consueta benda sull'occhio, prima di un intervento per riaprire le palpebre. Settimana dopo settimana ha condiviso con i suoi follower la dura lotta in ospedale fatta di dolorose terapie e trattamenti per restituirgli un volto. La sua forza e determinazione l'ha mostrata soprattutto in televisione, dove si è sempre battuta per i diritti delle donne vittime di violenze e a "Ballando con le Stelle" le sue dure parole rivolte all'ex, poi condannato, fecero discutere. Oggi, a quattro anni di distanza da quel tragico giorno, Gessica Notaro ha pubblicato sul suo account Instagram una nuova ed inedita fotografia, scattata dalla madre a poche ore dall'aggressione con acido. Le riminese è immortalata nel letto di ospedale dove è stata ricoverata per mesi con il volto completamente avvolto dai bendaggi e tre piccole fessure per occhi e bocca, nonostante lei non potesse vedere niente a causa dell'acido, che le aveva lesionato gli occhi.

Una foto che ha colpito nel profondo i suoi fan, non tanto per l'aspetto con il quale si è mostrata, ma per la grinta con cui si lascia fotografare a sole 24 ore dalla brutale aggressione. La vista perduta momentaneamente era il suo cruccio maggiore ma le mani nel tipico gesto rock "Ily" faceva già intravedere tutta la sua grinta e tenacia: "Sfogliando tra i ricordi ritrovo questa - scrive nel suo ultimo post la Notaro - era il mio secondo giorno in ospedale dopo l’accaduto. Non vedevo ancora un tubo ed era la cosa che onestamente mi preoccupava di più. Comunque.. Che non fossi mai stata troppo normale mi sembra sia abbastanza evidente.. ma se invece fosse stata la mia stessa follia a salvarmi nel momento più duro della mia vita? ...Può darsi!".

Commenti