Gabriele Muccino annuncia: "Farò un film sul Covid-19, scrivetemi le vostre storie e paure"

Il regista romano ha annunciato attraverso i social che è pronto a realizzare un docufilm con il contributo degli italiani e invita tutti a inviargli materiale

Dopo l’annuncio di Salvatores anche Gabriele Muccino è pronto a realizzare un film sullo storico momento che l’Italia e il mondo intero stanno vivendo a causa della pandemia da coronavirus. Il regista romano, 52 anni, lo ha annunciato sui social network lanciando la sfida agli italiani: "Raccontatemi dei vostri rimorsi, dei vostri dolori, delle vostre gioie, dei vostri amori strappati, dei vostri amori ritrovati, di quello che cambiereste se tornaste indietro e quello che pensate di cambiare quando tutto ciò sarà passato".

Con un lungo post pubblicato su Instagram, Gabriele Muccino ha spiegato che è pronto a realizzare un docu film sulla drammatica situazione che il nostro paese, e il resto del mondo, sta vivendo per colpa del Covid-19. Il regista di "Sette anime", "L’ultimo bacio" e "Padri e figli" è pronto a imprimere sulla pellicola una storia realistica fatta di racconti, vissuti personali, morte ma anche rinascita: "Vorrei realizzare un film su questo momento storico che tutti insieme, ad ogni latitudine sociale e geografica, stiamo attraversando. Se vorrete collaborare con me, vi prego scrivetemi delle vostre esperienze, riflessioni, raccontatemi delle vostre ansie, dei cambiamenti che stanno subendo le vostre vite ma soprattutto il vostro sguardo sulle cose, se sta cambiando e come".

Con il suo film del 2006 "La ricerca della felicità", Gabriele Muccino ha saputo dare una lettura fiduciosa alla vita, che spesso ci travolge con le sue difficoltà. Oggi a distanza di quattordici anni da quella pellicola, il regista (reduce dall'uscita de "Gli anni più belli") è pronto a realizzare una nuova produzione che possa trasmettere un messaggio di forza e coraggio. Attraverso il suo post di appello, Muccino ha spiegato che i racconti e il materiale ricevuto saranno confidenziali: "Sarò l’unico a leggere le vostre testimonianze. Aiutatemi a scrivere questo film (e anche a lasciar scorrere in libertà i pensieri folli e inesplorati che navigano nelle nostre menti in questi giorni in cui nulla è più come prima)". Tutti coloro che voglio partecipare con video, testimonianze, racconti o semplicemente pensieri possono scrivere all'email del regista: gmuccino3@gmail.com.

IL GRANDE CAOS *** Vorrei realizzare un film su questo momento storico che tutti insieme, ad ogni latitudine sociale e geografica, stiamo attraversando. Se vorrete collaborare con me, vi prego scrivetemi delle vostre esperienze, riflessioni, raccontatemi delle vostre ansie, dei cambiamenti che stanno subendo le vostre vite ma sopratutto il vostro sguardo sulle cose, se sta cambiando e come. Raccontatemi dei vostri rimorsi, dei vostri dolori, delle vostre gioie, dei vostri amori strappati, dei vostri amori ritrovati, di quello che cambiereste se tornaste indietro e quello che pensate di cambiare quando tutto ciò sarà passato. Scrivetemi di voi, fatelo confidenzialmente. Sarò l’unico a leggere le vostre testimonianze. Aiutatemi a scrivere questo film (e anche a lasciar scorrere in libertà i pensieri folli e inesplorati che navigano nelle nostre menti in questi giorni in cui nulla è più come prima). Potete scrivermi (o anche lasciarmi video messaggi o semplicemente messaggi vocali) a questo indirizzo email: gmuccino3@gmail.com

Un post condiviso da Gabriele Muccino (@gmuccino) in data:

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di tomari

tomari

Gio, 26/03/2020 - 17:22

Muccino arriva tardi! Vada a vedersi il film CONTAGION, del 2007. Io lo ho visto in questi giorni su CD, tale e quale succede oggi in Italia, solo che nel film si parla degli USA.