Cultura e Spettacoli

Il monito della principessa Anna a Harry e Meghan

In una rara intervista concessa a Vanity Fair America per il suo settantesimo compleanno, la principessa Anna racconta la sua vita intensa tra iniziative umanitarie e doveri di corte, ma non tralascia di dare qualche consiglio alle nuove generazioni più ribelli della royal family

Il monito della principessa Anna a Harry e Meghan

La principessa Anna è famosa per la sua forza di volontà e la sua instancabilità. Solo i rischi della pandemia sono riusciti, con molta fatica, a farla desistere dai suoi doveri reali. Patrona di più di 300 charities, la figlia di Sua Maestà segue con grande interesse molte iniziative umanitarie e non si sottrae mai alla vita pubblica e alle decine di incarichi ufficiali che la rendono da anni il personaggio più attivo e uno dei più amati della royal family secondo il Telegraph. Il prossimo 15 agosto la principessa Anna compirà 70 anni e Vanity Fair America ha deciso di festeggiarla con una cover e un’intervista.

Il sito Royal Central sottolinea che si tratta di un evento molto raro. Non è affatto facile riuscire a intervistare Anna, una donna molto riservata e discreta che non ama parlare di sé. Comunque questo strappo alla regola è coerente con la sua personalità decisa e lineare. Anna ha parlato della sua vita, dei suoi impegni, del suo ruolo con passione e orgoglio. Non si è tirata indietro neppure quando si è trattato di dare consigli preziosi e perfino qualche monito alle generazioni Windsor più ribelli, nello specifico a Harry e Meghan. La principessa Anna ha detto ciò che pensa, senza fronzoli, come è nel suo stile.

A proposito della sua agenda fitta di impegni, della sua avversione nei confronti dell’ozio e dello staff che prepara minuziosamente ogni sua uscita pubblica, la principessa reale ha dichiarato: “Rendo le loro vite più difficili dal punto di vista logistico, mi dispiace, ma se ho intenzione di recarmi a Londra non voglio perdere tempo. Accadono cose di continuo, quindi c’è il problema di come riempire il tempo a disposizione. Io sono fortunata, perché il programma che stabilisco è il diretto risultato di ciò che mi viene richiesto di fare. Sarebbe un peccato non provare a portare a termine gli impegni”. La principessa Anna ha parlato anche della sua vitalità, della volontà di rispettare i doveri che il suo ruolo le impone e di non avere intenzione di ritirarsi a vita privata.

Tuttavia sottolinea che molto dipende “dalle organizzazioni con cui sei coinvolto e se queste sentono che sei ancora interessato”. Per la principessa Anna è una questione di scelte e i reali sono nella posizione di poter continuare le loro attività finché ne hanno le forze. Nei riguardi delle nuove generazioni della royal family, ovvero William, Harry e le loro mogli, la figlia della regina sembra avere le idee molto chiare: “Non penso che questa generazione più giovane capisca ciò che ho fatto nel passato…Non necessariamente si guarda alla generazione precedente e le si dice ‘Oh, hai fatto quello?’, oppure ‘Sei andato lì’? Oggigiorno si cerca di più qualcosa come ‘Oh, facciamo questo in un modo nuovo’” e ha proseguito: “Per favore, non scoprite l’acqua calda…Alcune di queste cose non funzionano. Potresti aver bisogno di tornare alle origini”.

La principessa Anna avrebbe un giudizio netto in merito al futuro della monarchia. Secondo lei l’innovazione a tutti i costi potrebbe essere deleteria, mentre la via tradizionalista apparirebbe più sicura. I tabloid hanno interpretato questa opinione come una stoccata diretta a Harry e Meghan e alla loro smania di essere, potremmo dire “diversamente royal”, di voler rinunciare ai doveri rimanendo comunque onnipresenti sulla scena pubblica, dando al loro ruolo una veste nuova ma non per questo priva di contraddizioni.

La principessa Anna ha rivelato anche che se non fosse stata una reale, con ogni probabilità avrebbe scelto la carriera di ingegnere. Inoltre ha spiegato di avere già un nuovo impegno per il prossimo autunno, coronavirus permettendo, ovvero un viaggio a New York. Anna dovrebbe visitare la English-Speaking Union’s di New York, dal momento che ne è la patrona e il National Lighthouse Museum, data la sua enorme passione per i fari. Infine, secondo le indiscrezioni, il prossimo 15 agosto la regina Elisabetta vorrebbe celebrare con una festa il settantesimo compleanno della figlia. Nell’intervista, però, la principessa Anna non ha nascosto il suo scetticismo sulla possibilità che ciò accada, soprattutto in un momento complicato come quello che stiamo vivendo.

Commenti