La principessa Anna non vuole annullare i suoi impegni

Nonostante i timori e i rischi che la pandemia da Covid-19 sta causando in tutto il mondo, la principessa Anna non avrebbe alcuna intenzione di fermarsi e continua a tener fede a tutti i suoi impegni istituzionali

In via precauzionale tutti i membri senior della royal family britannica hanno dovuto fare un passo indietro di fronte al coronavirus. O meglio, quasi tutti, visto che i timori per rischi della pandemia non sono ancora riusciti a far capitolare la principessa Anna. Stando a quanto riportato da Vanity Fair la secondogenita di Sua Maestà, nota per il suo carattere fermo e senza fronzoli, proprio non ne vorrebbe sapere di rimandare appuntamenti o cancellare eventi. La regina Elisabetta, il principe Carlo, William e Kate non ci hanno pensato due volte, congelando gli impegni, in attesa di tempi migliori.

La monarca, infatti, si è ritirata a Windsor con il principe consorte, l’erede al trono ha rimandato il tour che lo avrebbe portato insieme a Camilla in Giordania, Cipro, Bosnia ed Erzegovina. I Cambridge sono impegnati con le lezioni online dei principi George e Charlotte, mentre Harry e Meghan Markle si trovano isolati a Vancouver e hanno già rimandato gli Invictus Games previsti per il maggio di quest’anno al 2021. La principessa Anna, invece, prosegue senza sosta per la sua strada. Lunedì 16 marzo ha visitato l’Addington Equestrian Centre, non lontano da Buckingham.

In qualità di esperta di cavalli (ricordiamo che li adora e che gareggiò anche ai Giochi Olimpici di Montreal nel 1976) e di vice-Patron della British Horse Society, la principessa ha avuto anche l’occasione di prendere parte alla National Coaching Convention che si è tenuta proprio nel centro equestre. Naturalmente l’evento è stato organizzato in modo da rispettare tutte le norme precauzionali doverose in questo periodo, come spiega il magazine Hello. I doveri reali, però, non finiscono qui. La figlia della sovrana avrebbe in programma un viaggio nello Shrewsbury il prossimo 30 marzo, a Bristol e nel Sussex in aprile.

Riuscirà la principessa Anna a rispettare anche questi impegni, nonostante i pericoli della pandemia? Per il momento sembrerebbe decisa a farlo, ma un conto sono le intenzioni, un altro l’evoluzione del coronavirus in Gran Bretagna e nel mondo. Stavolta la fiera principessa si scontra con un nemico aggressivo, a cui non importa davvero un bel niente della nostra agenda o dei progetti animati dalle migliori aspettative e dalla più severa volontà. Per ora, comunque, la sorella dell’erede al trono non ha annullato nessun evento e sta dando una prova ulteriore della sua instancabilità.

Da sempre la più attiva dei Windsor, la principessa Anna non si smentisce neanche stavolta. La sua indole d’acciaio è ben nota agli inglesi, che hanno un debole per l’unica figlia femmina della sovrana. La principessa Anna compirà 70 anni il prossimo 15 agosto e nel 2019 il Telegraph l’ha confermata al secondo posto come membro senior dei Windsor più impegnato e dedito al suo lavoro, superata solo dal principe Carlo. Infatti lo scorso anno la principessa reale ha partecipato a 506 appuntamenti istituzionali (Carlo 521), lavorando 165 giorni.

Silenziosa, riservata, testarda (ma con intelligenza), Anna ha alle spalle anche una prestigiosa carriera militare che si potrebbe arricchire di un nuovo titolo. Qualora il principe Harry rinunciasse per sempre al "posto" da senior nella royal family, sarebbe costretto a dire addio anche al grado di Capitano Generale dei Royal Marines, ottenuto dal nonno Filippo quando questi si ritirò a vita privata nel 2017. Il ruolo, però, non rimarrebbe vacante, ma verrebbe ereditato dalla principessa Anna che diventerebbe, così, la prima donna a ricoprire tale carica. Sembra proprio che nulla riesca a scalfire Anna e la sua tempra inarrestabile. Forse nemmeno la paura del coronavirus.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.