"Adesso si valuti una sanzione". Ira Rai sull'abbraccio della Venier

È caos in Rai dopo l'abbraccio e, soprattutto, le parole di Mara Venier durante Domenica In; il segretario di vigilanza auspica una sanzione per la conduttrice e definisce l'episodio "inqualificabile"

Non accenna a diminuire il caos in Rai dopo l'abbraccio di Mara Venier a Romina Power e poi a Loretta Goggi nel corso di Domenica In. Più del gesto, a indispettire pubblico e azienda sono state le parole usate dalla conduttrice. "Non me ne frega niente che non dobbiamo abbracciarci", ha esclamato la bionda veneta prima di stringere a sé Romina Power. L'abbraccio è stato umanamente perdonato dal pubblico a casa, che ha riconosciuto il gesto di un'amica per la recente perdita della sorella. Lo slancio d'affetto sincero e istintivo è stato capito ma non accettato, vista la portata del messaggio lanciato da Mara Venier. In un momento così delicato, quando i nuovi focolai preoccupano ed è necessario continuare a tenere alta l'attenzione, mantenendo le dovute precauzioni per evitare il contagio. Dopo l'intervento del consigliere di amministrazione Riccardo Laganà, ha fatto sentire la sua voce anche Michele Anzaldi, segretario di vigilanza Rai. Nei giorni scorsi si è espressa anche il ministro Lamorgese a condanna delle parole della conduttrice.

"Mara Venier con il suo comportamento di fronte a milioni di telespettatori mette a rischio il rispetto delle misure per il contenimento del contagio da coronavirus", dice senza mezzi termini Michele Anzaldi con un duro post su Facebook. Il segretario ha stigmatizzato la battuta di Mara Venier, definendola come "un episodio inqualificabile di deliberata sconfessione delle norme per il distanziamento, proprio sulla prima rete del servizio pubblico". Michele Anzaldi ha invocato l'intervento del Consiglio di amministrazione Rai, soprattutto dopo le parole di Riccardo Laganà, che già pochi minuti dopo il fatto ha preso posizione contro la conduttrice. "Affronti la vicenda e valuti se non sia doveroso quantomeno comminare una multa o comunque una sanzione alla conduttrice", ha dichiarato il segretario di vigilanza Rai.

Per il momento Mara Venier ha preferito non esprimersi nel merito della questione. Con la chiusura di Domenica In si prospettano per lei due mesi di assenza dagli schermi da dedicare alla riabilitazione dopo l'incidente che l'ha costretta sulla sedia a rotelle per la frattura a un piede. I social sono spaccati tra chi vede in quel gesto solo un abbraccio di consolazione e chi, invece, ritiene che non sia un messaggio da trasmettere in tv. L'ampio spettro di riferimento di Domenica In è recettore di un messaggio sbagliato nel momento in cui nel Paese sono ancora attive le misure di contenimento del virus, come il distanziamento fisico e, nel caso in cui questo non sia possibile, le mascherine.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Rossana Rossi

Mar, 30/06/2020 - 12:09

Come al solito nell'italietta sinistrorsa si guardano le cretinate e non le cose serie..........

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 30/06/2020 - 13:05

Mentre a Mondragone i centri sociali starnazzavano assembrandosi stretti stretti per protestare contro Salvini.

Yossi0

Mar, 30/06/2020 - 17:24

la vera sanzione l'hanno pagata i contribuenti costretti a pagare il canone per avere dei programmi a dir poco ridicoli, presentati dalla venier. Questi annunci banali offendono i telespettatori di questi programmi; infatti, quelli della rai ritengnono che ci siano delle persone che la imiteranno ...