Panariello a Sanremo: "In Italia tutti assolti tranne Corona"

Il comico ha espresso un pensiero nei confronti del paparazzo dei vip

Nell’intervento di Giorgio Panariello a Sanremo c’è spazio anche per un affondo sui veri "peccati capitali" di oggi: "La corruzione, la violenza sulle donne, lo spreco di denaro pubblico, l’evasione fiscale. Ma ormai non ha più paura nessuno di peccare, perché non c’è la certezza della pena. C’è l’amnistia, l’indulto, la prescrizione. Processo Eternit, tutti assolti. L’Aquila, assolti. Cucchi, assolti. L’unico in galera è Corona. E a Schettino danno 16 anni, ma per ora non ne fa uno, lui è libero, un pochino di inferno lo meriterebbe anche lui. Ma tanto all’inferno non ci arriva, fa ribaltare il traghetto di Caronte".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di robocop2000

robocop2000

Lun, 23/03/2015 - 18:57

PANARIELLO E' UN COMUNISTA DI M... KE NON FA NE RIDE NE PIANGE. PENSI AI SOLDI KE HA FOTTUTO ALLA RAI E LASCI PERDERE IL PREGIUDICATO CORONA.