Il piccolo Archie? Dopo la Megxit sarà più "ricco" rispetto ai cugini

Secondo gli esperti la Megxit è stata messa in atto proprio per dare agio al piccolo Archie di vivere più serenamente rispetto ai cugini

La Megxit è diventata realtà, questo è un dato di fatto. Gli ex duca di Sussex dal prossimo primo aprile perderanno tutti i privilegi di cui hanno goduto fino ad ora. Non si tratta di uno smacco, anzi questo divorzio così contrastato, deve essere visto per tutti come una nuova occasione, una rinascita, un modo per tornare ad essere padroni della propria vita. L’essenza della Megxit, per gli ex duchi, è propria questa. Nessun male vien per nuocere perché, se tutti pensano che la loro vita sarà grama e senza uno scopo si sbagliano di grosso. Gli ex duchi saranno più ricchi di prima, sia in fatto di soldi che in fatto di opportunità di vita. La Megxit soprattutto sarà un punto di svolta per il piccolo Archie che rispetto ai cugini vivrà una vita più libera e più “normale”.

Il prossimo sei maggio il primo figlio di Meghan e di Harry compirà un anno e, senza neanche saperlo, il piccolo dei Sussex è stato testimone di una tra le più grandi fratture della Corona inglese. La Megxit però, principalmente, è stata messa in atto proprio per dare agio al piccolo erede di vivere una vita migliore, fuori da legge e rigori. Sì, perché proprio come rivelano gli esperti, la Megxit è per Archie una vera occasione per essere libero, felice e sereno. Potrà godere di tante libertà che George, Charlotte e Louis non potranno mai sognare. Per esempio: il piccolo Archie non dovrà seguire nessuna lezione di galateo, dovrà mangiare in modo educato ma non sarà sottoposto a regole fin troppo restrittive e non dovrà fare nessun tipo di riverenza “ufficiale” alla Regina.

Queste sono solo alcune delle regole imposte dalla Megxit. Archie inoltre non dovrà posare per le foto ufficiali e non dovrà compiere gli 8 anni di età per indossare i pantaloni lunghi, come è successo a George. Inoltre i genitori saranno ben lieti di scegliere la scuola adatta per istruire Archie, senza proseguire la tradizione di iscrivere il figlio alla Thomas Battersa School di Londra. Potrà scegliere gli amici con cui giocare, potrà studiare le materie che i genitori riterranno più importanti e, soprattutto, non avrà un’alimentazione rigida. Archie sarà onnivoro, con un’attenzione a piatti sani e densi di vitamine. Un’altra sostanziale differenza? Saranno i regali che riceverà nel giorno del suo compleanno. I doni non dovranno superare i 150 sterline. Un giusto compromesso per far capire al piccolo l’importanza dei soldi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Tizzy

Dom, 22/03/2020 - 15:35

Forse...Ma senza cugini..

Ritratto di computerinside

computerinside

Dom, 22/03/2020 - 17:25

Ma ancora continuate a parlare di membri della "reale" famiglia britannica?...vi pagano per questo?

Redfrank

Dom, 22/03/2020 - 17:45

ma pensate a chi è nullatenente........................non ce ne può fregar di meno di chi non ha parassitamente lavorato un giorno ed avere miliardi...........