Mal di pancia a corte: "Carlo è infastidito dai genitori di Kate Middleton"

Il Principe del Galles si sentirebbe escluso dalla vita dei suoi nipotini. Il padre e la madre di Kate Middleton trascorrono molto più tempo d lui con George, Charotte e Louis, con grande dispiacere di Carlo

È guerra tra nonni per i piccoli George, Charlotte e Louis, i figli di William e Kate. Il Principe Carlo, stando a una fonte di Express UK, avrebbe messo in atto una guerra fredda con i consuoceri Carole e Michael Middleton, genitori di Kate Middleton, che trascorrerebbero più tempo di lui con gli adorati nipotini. Con Archie Harrison lontano, a Los Angeles, con mamma Meghan e papà Harry alle prese con la loro nuova vita da common milionari, a Carlo restano i tre nipoti figli di William. a cui, come ha svelato una fonte del tabloid, "è molto legato perché li ha visti crescere sotto i suoi occhi, a differenza di Archie con cui ha avuto finora pochi contatti ".

Come già segnalato al Daily Mail nel 2016 dall’esperta reale Katie Nicholl "il Principe di Galles si sente tagliato fuori dai genitori di Kate, Carole e Michael, che ottengono di passare più tempo di lui con George e Charlotte. Lui, in confronto, li vede molto poco e nutre un po' di rancore al riguardo". Questo avveniva 4 anni fa, quando Louis, l’ultimogenito di William e Kate non era ancora nato, eppure a distanza di tempo non sembra che le cose siano cambiate.

Katie Nicholl è infatti tornata a riproporre la questione su Express UK, aggiornando i lettori con nuove confdenze fattele da una fonte che farebbe parte della cerchia più intima del Principe Carlo. Secondo la Nicholl pare che sia Kate Middleton a fare di tutto perché i suoi figli si leghino molto ai suoi genitori che sarebbero "più alla mano e meno formali del Principe Carlo" che, nonostante il grande affetto che nutre per loro, "non riuscirebbe a superare una certa freddezza che non è indifferenza nei confronti dei piccoli, ma semplicemente il modo in cui è stato abituato ad esprimere le sue emozioni, senza troppi slanci emotivi".

Come ben sanno i suoi stessi figli, William e Harry, che sebbene molto legati alla figura paterna, ricevano il calore di un abbracco e tante tenerezze solo dalla madre Lady Diana. D’altronde non è un mistero a Corte che la Regina Elisabetta II abbia allevato il Principe Carlo con fermezza "perché - ha sottolineato la Nicholl - è così che i Windsor educano i futuri Re".

Secondo l'esperta reale, quindi, la nonna più amata dai principini sarebbe Carole Middleton, unica e sola dato che dell’altra, Camilla Parker Bowles, non sono noti, stando a quanto le ha riferito la sua fonte, particolari gesti d'affetto verso nipoti comunque non suoi, ma acquisiti dopo il suo matrimonio con il Principe Carlo. L'nsider definisce Carole Middleton come una "presenza piuttosto invadente" quando è a Kensington Palace, residenza ufficiale di William e Kate, e "gelosa e possessiva" del suo rapporto con i tre nipotini.

La Nicholl, al riguardo, cita due episodi in particolare. "Quando George nacque nel 2013, Carlo si lamentò di aver dovuto fare anticamera prima di vedere il nipote. In ospedale i genitori di Kate furono i primi a vedere la figlia che aveva da poco messo al mondo il loro primo nipotino e si intrattennero con lei a lungo, mentre Carlo attendeva fremente in corsia".

Poi c'è l'episodio della terza festa di compleanno di George nel 2016. "Fu interamente organizzata dai Middleton. Carlo e Camilla non presero parte a nessuno dei preparativi, furono semplicemente invitati alla festa", rivela la Nicholl al tabloid inglese. "Carlo era stato tutto il giorno impegnato in una riunione a Clarence House per discutere di una campagna a tutela dei parchi dell'Inghilterra rurale. Ma fece di tutto per non perdersi la festa, mentre Camilla non ci andò, sostenendo di avere altri impegni. Carlo arrivò quasi alla fine della festa, mentre Carole e Michael Middleton avevano trascorso l'intera giornata a organizzare cibo e giochi per i bambini, facendoli divertire un mondo".

La fonte della Nicholl ha aggiunto: "Carlo non voleva perdersi il compleanno del nipote, ma il fatto che l'intera faccenda fosse praticamente un evento dei Middleton con Carole che orchestrava l'intera faccenda l’ha molto innervosito, soprattutto perché suo figlio William non capiva il motivo del suo disappunto. Ancora oggi - prosegue la fonte della Nicholl - Carlo si sente escluso. Passa pochissimo tempo con i suoi nipoti ed è qualcosa che lo irrita profondamente. Non fa che ripetere quanto gli dispiaccia che le cose stiano così e che Wiliam non intervenga per spalleggiarlo, anzi, persino lui trascorre più tempo con i Middleton che con la sua stessa famiglia".

Per rappresaglia contro il primogenito Carlo è arrivato, sempre nel 2016, a riprendersi il controllo di Birkhall, la proprietà scozzese che apparteneva alla Regina Madre e che la Regina Elisabetta II, nei primi anni di matrimonio tra William e Kate, aveva concesso loro come proprietà in cui godersi qualche bel weekend. Ma non solo. Carlo avrebbe fatto pressione perché i Middleton non fossero invitati a diversi eventi reali chiave nel 2016, come il concorso ippico di Ascot, il servizio di Ringraziamento per il 90esimo compleanno della Regina e il Royal Windsor Horse Show.

Ma la punizione non sembra aver sortito alcun effetto: i consuoceri negli anni hanno continuato ad essere i nonni più presenti e amati dai piccoli di casa Cambridge, "con William che – sottolinea la Nicholl - ricorda bene quando cercava un abbraccio dal padre e non lo trovava, rifugiandosi sempre da sua madre Lady Diana, così materna da infrangere il protocollo che imponeva di impartire un'educazione più severa a un futuro Re, quale Wlliam è”.

Anche il piccolo George un giorno sarà Re e papà William desidera per lui "un’infanzia il più possibile normale, piena d'amore. Da qui la scelta di privilegiare i Middleton perché più propensi a quegli slanci d'affetto di cui suo padre Carlo sarebbe incapace a causa dell'educazione ricevuta e per il suo carattere naturalmente schivo e riservato", ha concluso la Nicholl.

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.