Alba Parietti scrive a Ezio Bosso. Ma il web la massacra: "Sei vergognosa"

Dopo la pubblicazione di una toccante lettera di addio indirizzata a Ezio Bosso, i fan criticano molto pesantemente l'operato di Alba Parietti; la showgirl, però, in un post mette a tacere le polemiche

Nel corso degli ultimi giorni, Alba Parietti è stata aspramente criticata dai suoi follower per alcuni post pubblicati su instagram indirizzati al compianto Ezio Bosso. La morte del celebre musicista ha scosso tutto il mondo dello spettacolo (e non solo), colpendo da vicino anche il cuore della stessa Parietti. Infatti la showgirl ha condiviso diversi pensieri in ricordo del musicista a cui era profondamente legata, ma alcuni di questi non sono stati apprezzati dai follower.

"Parole inutili. Sei solo in cerca di popolarità". Questo è uno dei tanti commenti negativi che la Parietti ha ricevuto nelle ultime ore. E, come si può leggere attraverso il suo profilo instagram, tutto è nato dopo che la showgirl ha inviato una lettera struggente al magazine "Chi", in cui a cuore aperto, ha raccontato il legame e il sentimento che ha condiviso con Ezio Bosso.

"Ho perso una persona speciale che ha lasciato un segno nella mia esistenza e in quella di tutti", ha affermato. Un estratto è stato poi pubblicato sui social e, da quel momento in poi, è iniziato l’attacco da parte dei fan. "Sei vergognosa. Se avessi conosciuto Ezio, avresti saputo perfettamente quanto lui tenesse alla sua privacy", scrive un utente. Tutti però conosciamo il temperamento fuori dagli schemi di Alba Parietti e, in un altro post, risponde a tono e mette a tacere tutte le polemiche che sono montante nel corso delle ultime ore. "Questa è una polemica sterile e volgare – esordisce -. Vorrei, proprio per rispetto di Ezio, chiudere questo teatrino di profili fake".

Parole molto dure che lasciano il segno e che ricevono l’apprezzamento di diversi follower. La Parietti, infatti, non dosa la sua rabbia. Anzi con pacatezza ma con un tono aspro, mette a tacere un’inutile polemica che ha creato solo scompiglio. "Le persone non sono di proprietà di nessuno. Soprattutto se vengono usate parole che possono offendere la sua memoria – aggiunge -. Io credo di aver dosato molto bene il mio pensiero. Ho accettato su una rivista di ricordare una persona cara. E ho fatto tutto con affetto, cercando parole di affetto e rispettose. Non accesso insulti da nessuno". E l’attacco continua con parole ai profili fake a chi "non ha rispetto del dolore degli altri" e chi usa parole volgari e fuori luogo. Alba Parietti è proprio una furia. Conclude il post con un ultimo ricordo a Ezio Bosso. "Possano le emozioni che ci ha regalato in vita, vivere sempre dentro di noi".

Lasciate che ognuno scelga le sue amicizie e che possa esprimere come desidera dolore e affetto. Le persone non sono proprietà. Soprattutto se vengono usate parole che non possono offendere nessuno semmai onorarne la memoria . E credo di averle scelte nel massimo rispetto. Le persone non sono proprietà e hanno libero arbitrio di amare, odiare, onorare. Quindi il rispetto lo chiedo io , perché non ho mai fatto male ne mancato di rispetto a nessuno . Ho accettato dopo molte richieste da parte di varie testate di ricordare solo su una , una persona cara. L’ho fatto con affetto, cercando le parole più adeguate delicate, pensate e rispettose. A lui , sono certa ho fatto cosa gradita E questa è l’unica cosa che per me conta . Tuttavia , questa polemica è volgare, sterile e fa poco onore a chi se ne fa paladino.senza averne titolo. Ma poi che titoli ci devono essere per ricordare una persona a cui hai voluto bene? . Non accetto insulti da nessuno. E vorrei proprio per rispetto chiudere questo teatrino di fake e commenti ( pochi per fortuna ) totalmente fuori luogo e questa a dire poco rispettosa volgarità , su un ritratto affettuoso. Perché chiunque ha avuto la possibilità di esprimere dolore . Anche sconosciuti . Lo hanno fatto tutti . Da Mattarella alla signora Pina e anche persone che con le quali lui non aveva mai avuto nulla a che fare. Andavano tutti bene . Io non posso?. Io gli ho voluto bene come tutti e siccome si tratta di una persona che per me importante ne parlo e solo con affetto infinito. Ognuno lo elabora il lutto come gli pare . La prepotenza nell’impedire di esternare con dolcezza e rispetto i propri sentimenti puliti , non è accettabile mai. Mi piacerebbe che l’emozione che ci ha regalato in vita e che porteremo sempre nel cuore non fossero inquinate da subdole chiacchere e polemiche con il solo intento di rovinare i ricordi e fare male. Grazie

Un post condiviso da Alba Parietti Officialpage (@albaparietti) in data:

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Ven, 22/05/2020 - 11:38

La musica ci insegna la cosa più importante che esista: ascoltare. Ezio Bosso

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 22/05/2020 - 14:29

io sono stato il più caro amico di mozart, ma non lo vado dicendo in giro!

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Ven, 22/05/2020 - 14:54

Parietti si sforza per trovare ogni possibile argomento e occasione per fare parlare di se ; non accetta l'idea di essere dimenticata in una dignitoso tramonto . Perché ?

routier

Ven, 22/05/2020 - 15:25

L'autentico dolore per la dipartita di una persona cara appartiene alla propria anima non alla stampa! E' strano che lo si debba ribadire.

SILVIA01

Ven, 22/05/2020 - 15:51

prima il COVID-19 .. ora il monumentale musicista ... mi smbmrano tutte scuse per cercare di prendere la scena.

ROUTE66

Ven, 22/05/2020 - 17:39

Questo succede quando ci si aggrappa a tutti i (RAMPINI) ganci,per restare a galla. IL PADRE PARTIGIANO,si ma lei non era una staffetta perciò, Ora col mio sangue salvo la gente,SI MA CI SONO CENTINAIA che lo stanno facendo e NON LO DICONO. Ora un ex compagno,SI MA IL BRAVO ERA LUI,perciò DOMANI chissà,ma in tanto se ne parla,E QUESTO QUELLO CHE CONTA