Salvatore Paravia: "Io geloso di Amedeo Goria perché ha ancora mire su mia moglie Maria Monsè"

Maria Monsè non ci sta, dopo la lite furibonda tra suo marito Salvatore Amedeo Goria dovuta alla gelosia per un bacio scattato in un ascensore anni prima ora scende in campo

Sta succedendo un pandemonio dopo le rivelazioni di Maria Monsè di aver baciato dentro un ascensore Amedeo Goria dopo che lui ci ha provato con lei sul set dove lavoravano. Per comprenderlo appieno quello che sta accadendo è importante tornare indietro alla bomba di gossip lanciata da Maria Monsé durante una puntata di Pomeriggio 5 quando alla presenza di Amedeo Goria, Maria dice che l’uomo ci avrebbe provato con lei. I fatti risalgono ai tempi delle riprese del film Annarè con Gigi D’Alessio dove Maria e Amedeo recitavano insieme e nell’ascensore di un albergo lui ci ha provato e tra i due ci sarebbe stato un bacio.

Nulla di più, ma tanto è bastato a Salvatore Paravia, marito di Maria di ingelosirsi a tal punto di arrivare a un confronto acceso con Goria: “Ho litigato con Amedeo, eravamo amici e mi ha nascosto per anni che ci aveva provato con Maria - questo è il nocciolo della questione spiega - In questi anni tra me e Amedeo si è istaurato un rapporto di amicizia, lui era sempre presente agli eventi di Maria dove c’ero sempre anche io quindi ci frequentavamo. Ero amico anche dello storico fidanzato di sua figlia Guenda, Stefano Rotondo. Quindi ci incontravamo spesso e abbiamo sempre avuto un bel dialogo. Non si tratta di gelosia, non è il primo uomo che ci ha provato con mia moglie, ma, il fatto di non avermelo mai detto mi fa pensare che lui covasse ancora qualcosa per Maria”.

E poi continua “Quando è successa questa cosa del flirt l’ho vissuta male! E quando ho chiesto ad Amedeo perché non me l’avesse detto, lui è stato superficiale nella risposta, mi ha detto di non averlo fatto per una questione di stile”. Spunta poi fuori un biglietto che Amedeo avrebbe regalato a Maria proprio su quel set e Salvatore, anche in merito a quello, non si spiega perché sua moglie Maria lo abbia conservato per tanti anni.

Ma è proprio in questo momento che scende in campo Maria Monsè che ha qualcosa da dire a suo marito in proposito: “Io sono arrabbiata con Salvatore - ci racconta al telefono - che si è sempre professato e anche dimostrato una persona che mi ha lasciata sempre libera. Ad esempio io ho sempre avuto modo di pubblicare le mie foto sui social senza mai ingelosirsi, mentre invece la cosa che non capisco come mai lui lo sia del mio passato. Mi sembra fuori luogo per una cosa che appartiene al 1998. Salvatore non si doveva permettere di giudicare il mio passato. Tra l’altro ha rilasciato dichiarazioni in radio dicendo che non capisce come mai io ho conservato il suo bigliettino. L’ho fatto perché era un ricordo del film che abbiamo girato. Tutto quello che vivo sul set lo custodisco sempre nel mio cuore perché quando lavoro sono felice come quando vado in vacanza. Oltre quello poi ho anche conservato alcuni abiti di scena".

Ma cosa c’era scritto in quel biglietto di così compromettente tanto da far infuriare un uomo solitamente tollerante come Salvatore il marito di Maria?: “C’era scritto buona vita per sempre Amedeo - racconta la Monsè - Invece Salvatore si è ingelosito perché quella parola “Per sempre Amedeo” per lui aveva un altro significato, quello di “Tuo per sempre” quindi intenzionato a continuare con me. Arriva però l’ennesimo colpo di scena, quando al telefono con Maria, arriva anche Salvatore che rivela una cosa mai detta prima, che forse è proprio il fulcro di tutta la faccenda:

“Io e Maria, siamo sposati dopo tre mesi che ci siamo incontrati e i primi tempi che uscivamo l’ho portata a Bergamo alta, Torre del Campanone farle vedere un nuovo modello di ascensore (Salvatore Paravia è un noto costruttore di ascensori ndr) quando ero lì dentro ci ho provato con lei e nonostante ci dovessimo sposare soltanto dopo due mesi, lei mi ha rifiutato. Anni dopo vengo a scoprire che invece aveva baciato Goria, sempre in un ascensore, pochi mesi prima. Ecco perché al contrario di quello che sono ovvero una persona tranquilla e non gelosa questa vicenda mi ha fatto arrabbiare molto”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Thorfigliodiodino

Thorfigliodiodino

Mar, 24/11/2020 - 18:50

MA chissenefrega!