La tata dei vip per il royal baby di Harry e Meghan

Già tata dei figli di Matt Damon, Emily Blunt, Justin Timberlake e Jessica Biel, è stata consigliata ai duchi di Sussex da una coppia di amici carissimi, Amal e George Clooney che avevano assunto Nanny Connie per i loro gemelli Ella e Alexander

Niente bambinaie di corte ad accudire il primogenito di Harry e Meghan sarà la tata delle star, l'afro-americana Connie Simpson.

Già tata dei figli di Matt Damon, Emily Blunt, Justin Timberlake e Jessica Biel, è stata consigliata ai duchi di Sussex da una coppia di amici carissimi, Amal e George Clooney che avevano assunto Nanny Connie per i loro gemelli Ella e Alexander.

30 anni di carriera e 250 bambini accuditi, tata Connie ormai è una vera e propria celebrity con i suoi oltre 30mila follower su instagram e il suo libro "Nanny Connie way: Secrets to mastering the first four months of parenthood", una piccola guida per i neo genitori, riporta Io Donna.

La chiave del suo successo di tata è molto semplice: assistere i genitori a diventare genitori. "I primi a dover crescere sono le mamme e i papà. Quando nasce il figlio sono sempre molto nervosi. Il compito è di aiutarli a superare le incertezze e il nervosismo dei primi mesi di vita", sostiene Connie.

Ed è proprio il ruolo di "family coach" quello che la tata dei vip dovrà ricoprire in casa dei duchi di Sussex che hanno già pianificato che ad occuparsi del piccolo in arrivo sarà la nonna materna, Doria Ragland.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Giano

Giano

Lun, 22/10/2018 - 20:28

Anche oggi la nera in prima pagina. Ma davvero non c'era in tutta la Gran Bretagna una tata bianca? No, è che mostrando che la coppia reale ha una tata nera si convince la gente che non solo è del tutto normale, ma è anche chic avere la nera in casa. Chiaro il messaggio?