Westworld, umanoidi e Far West nella serie prodotta da J.J. Abrams

Scritta e diretta da Jonathan Nolan, Westworld è la versione 2.0 dello sci-fi anni settanta Il mondo dei robot, ambientata in un parco divertimenti popolato da androidi

Westworld, umanoidi e Far West nella serie prodotta da J.J. Abrams

Dal genio di Jonathan Nolan arriva una nuova serie tv che al genere fantascientifico unisce l’elemento epico: si intitola Westworld la produzione di HBO scritta e diretta dal regista di Person of Interest.

Prodotta da J. J. Abrams, creatore di Lost e regista dell’ultimo episodio di Star Wars, la serie è basata sul film Il mondo dei robot, di Michael Crichton, e vanta un cast di prim’ordine, tra cui Antony Hopkins, il protagonista di Pollock Ed Harris, James Marsden, il Ciclope della saga cinematografica di X-Men, ed Evan Rachel Wood, coprotagonista di Mildred Pierce).

Versione 2.0 dello sci-fi anni Settanta, Westworld è ambientata in un parco divertimenti di un futuro avveniristico, popolato da androidi talmente realistici da risultare indistinguibili dagli uomini, i quali interagiscono con i visitatori. Al suo interno sono riprodotti fedelmente il selvaggio Far West, l’antica Roma e l’epoca medievale. La rottura dell’equilibrio avviene quando i robot iniziano a provare le emozioni proprie degli umani e si ribellano ai propri creatori.

Il canale HBO ha diffuso il trailer della serie, che debutterà negli Stati Uniti il prossimo ottobre e sarà trasmesso in contemporanea in Italia su Sky Atlantic.

Commenti