La "profezia" di Franco Baresi: "Questo Milan? Perché è come quello di Sacchi"

Baresi, vicepresidente onorario del Milan, ha riempito di elogi la squadra di Pioli, ha paragonato Zlatan Ibrahimovic a Van Basten e Gullit ed ha incensato Paolo Maldini

Il Milan di Stefano Pioli sta stupendo tutti ormai da giugno e in questa stagione si è addirittura tolto lo sfizio di essere al primo posto in solitaria in classifica. L'ambiente crede allo scudetto e una leggenda del club come Franco Baresi, vicepresidente onorario della società di via Aldo Rossi ha fatto un paragone importante di questo Milan con uno fantastico del passato: "Mi fa pensare al primo Milan di Sacchi: nessuno pensava che potessimo raggiungere quel traguardo e invece piano piano, con dedizione e convinzione, riesci a fare cose inaspettate", queste le sue parole ai microfoni di Sky Sport.

Ambizioni scudetto

Baresi ha elogiato il lavoro di Pioli e dei giocatori: "Penso sia scattato qualcosa dentro i giocatori che hanno dimostrato quelle qualità necessarie a competere a grandi livelli. C'è la consapevolezza di potersela giocare con tutti e in questo Pioli è stato bravo a stimolare il gruppo e trovare un modulo che coinvolgesse tutti. I giocatori sono a loro agio e si esprimono bene. Questo Milan deve pensare in grande. Ha continuità e fiducia. Bisogna avere coraggio".

Elogi a Ibra e Maldini

Zlatan Ibrahimovic è sicuramente il leader in campo e fuori di questo Milan giovane e ambizioso. Anche in questo caso l'ex capitano del Diavolo ha incensato il fuoriclasse di Malmo facendo un paragone importante: "E' incredibile quello che riesce a fare e a trasmettere ai compagni, sembra ancora un ventenne. Ha fisicità e personalità, come Van Basten e Gullit in quel Milan e come loro fa la differenza in campo. Mentalmente ha voglia di stupire e solo lui saprà quando dire basta".

Baresi ha giocato con il suo grande amico Paolo Maldini che è riuscito a ritagliarsi uno spazio importante in questa ambiziosa società: "Paolo anche dietro la scrivania sta dimostrando tutte le sue qualità. È sempre attento, scrupoloso, competente, vuole un Milan protagonista in futuro così come fatto in passato, nonostante le difficoltà. Va ammirato per quello che fa e che porta al Milan anche da dirigente".

Ora il Milan sarà atteso da un esame importante, quello contro il Napoli di Gennaro Gattuso che non dovrebbe avere a disposizione l'attaccante nigeriano Osimhen, infortunatosi con la nazionale. Il Milan non avrà in panchina né Pioli né il vice Murelli entrambi positivi al coronavirus: "l'allenatore" potrebbe dunque essere Daniele Bonera, ex calciatore rossonero che fa parte dello staff di Pioli.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.