Sport

Batistuta e la lezione di vita al figlio: "Potrei mantenerlo ma deve sudarsi i soldi"

Gabriel Omar Batistuta si dimostra un uomo di saldi principi e parlando del figlio Joaquin ha spiegato: "Potrei tranquillamente comprargli una macchina o qualunque altra cosa, ma la gente saprebbe che non deriva dal suo sforzo"

Batistuta e la lezione di vita al figlio: "Potrei mantenerlo ma deve sudarsi i soldi"

Gabriel Omar Batistuta è stato uno degli attaccanti più forti del mondo e nella sua lunga carriera ha vestito le maglie di tre club argentini, Newell's Old Boys, River Plate e Boca Juniors per poi approdare in Italia. In Serie A, il Re Leone ha giocato per ben nove stagioni con la Fiorentina con cui ha giocato la bellezza di 332 partite segnando caterve di gol, 207 in tutte le competizioni così suddivise: 168 in Serie A, 24 in Coppa Italia, 2 in Supercoppa Italiana e 13 nelle coppe europee. Batistuta passò poi alla Roma nel 2000-2001 e vinse uno scudetto fantastico, l'ultimo messo in bacheca dai giallorossi. Gabriel ha poi chiuso la carriera per sei mesi all'Inter e poi per due anni all'Al-Arabi che gli ha permesso di tirare la linea a quota 300 gol con le squadre di club che diventano 354 se si contano anche le 54 reti realizzate con la maglia della nazionale argentina, secondo miglior marcatore nella storia dell'Abliceleste.

Batistuta è sempre stato un grande esempio di professionalità e correttezza, anche nell'educazione dei figli. Anche questa volta l'ex cannoniere argentino ha dimostrato di avere saldi e solidi principi e in una lunga intervista rilasciata a Reconquista Hoy, ha parlato del figlio Joaquin: "Potrei tranquillamente comprargli una macchina o qualunque altra cosa, ma la gente saprebbe che non deriva dal suo sforzo. Penso che abbia tutt'altro sapore poter dire con orgoglio che qualcosa è riuscito ad ottenerla solamente coi suoi sforzi". Il figlio dell'ex di Roma, Inter e Fiorentina, infatti, lavora in una copisteria con Gabriel e la moglie Irina che hanno deciso di fargli capire l'importanza del lavoro e il senso del denaro.

Commenti