Bolt, conferme sul ritiro: "Credo sia giunta l'ora di passare il testimone"

Bolt ha preso la sua decisione definitiva: "Vivo quest'ultimo periodo con serenità e anche un po' di tristezza. Mi mancheranno i tanti momenti belli ma anche quelli più difficili"

Usain Bolt è ancora l'attuale campione olimpico dei 100 metri piani, dei 200 metri piani e della staffetta 4×100 metri. In queste discipline, inoltre, detiene anche i primati mondiali, stabiliti ai Mondiali di Berlino 2009 (100 e 200 m) e ai Giochi olimpici di Londra 2012 (4×100 m). Il fuoriclasse giamaicano è ancora relativamente giovane dato che compirà 31 anni il prossimo 21 agosto ma ha deciso di passare il testimone: "Non credo che cambierò idea: ho fatto tutto quello che volevo fare, è ora di passare il testimone".

Bolt, dopo 13 medaglie d'oro individuali, di cui 7 iridate, 6 olimpiche e 5 record mondiali il 5 agosto, ai Mondiali di Londra, correrà per l'ultima volta in carriera nei 100 metri. Ecco le sue parole riportate dal Corriere dello Sport: "Credo sia ora di passare il testimone. Tutt'alpiù potrò fare qualche esibizione qua e là. Vivo quest'ultimo periodo con serenità e anche un po' di tristezza. E' inevitabile. Il mio coach insiste perché a Tokyo 2020 ci sia in veste di allenatore ma non credo di essere tagliato per questo ruolo. Mi mancheranno i tanti momenti belli ma anche quelli più difficili. Mi mancherà soprattutto l'adrenalina delle grandi sfide".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.