Bolt ultimo atto 100 da re: 9”80 «E sono felice»

Quando lo starter spara, Usain risponde

Bolt ultimo atto 100 da re: 9”80 «E sono felice»

Bolt non tradisce, magari stanco, con la voglia di tornare a casa in Giamaica, ma quando lo starter spara, Usain risponde. Ed eccolo filare nell'ultimo cento metri della stagione, inseguito dalla curiosa e fremente attenzione del pubblico del memorial Vandamme di Bruxelles. Bolt fila e fulmina: 9“''80 dice il crono, meglio del 9“90 di una settimana fa a Zurigo. Partenza a siluro di Kim Collins in prima corsia, poi Bolt rialza la testa e va. Gli altri dietro, impotenti davanti alla sua falcata. Bolt bello e potente, sul limite della commozione quando saluta il pubblico, in ginocchio sulla pista: baciandola. «É il mio secondo tempo stagionale (ai mondiali di Mosca aveva corso in 9“77 ndr.). Sono felice». Felice di aver chiuso così bene un'estate nella quale è rimasto re, triplo campione dell sprint. Ieri sera si è messo dietro, come fosse una gran passerella finale, gli avversari della stagione: l'americano Rodgers (9“90), il connazionale Carter (9“94) e Justin Gatlin (9“94), secondo ai mondiali.

Jamaican power nello sprint pure ieri: Shelly Ann Fraser Pryce ancora un fulmine nei 100 vinti in 10“72, un centesimo in più rispetto al successo mondiale. Warren Weir è guizzato via negli ultimi 20 metri dei 200 m.: 19“87 contro il 19“93 del connazionale Ashmeade. Gran tempi nella velocità, perentorio l'etiope, campione del mondo, Mohammed Aman negli 800 m.: 1'42“38 miglior tempo stagionale. Il francese Lavillenie nell'asta salta m.5,96 e batte il record del meeting detenuto da Bubka (5,95) da 19 anni. Ottimo Matteo Galvan 3°nei 400 m.: record personale (45“35). Primo l'inglese Rooney (45“05) davanti a J.Borlee.