Brasile, passaporto ritirato a Ronaldinho e a suo fratello

Sono stati ritiriati i passaporti di Ronaldinho e di suo fratello a causa di un abuso edilizio

Brasile, passaporto ritirato a Ronaldinho e a suo fratello

I passaporti di Ronaldinho e di suo fratello sono stati ufficialmente ritirati dalla corte di Rio Grande do Sul (Porto Alegre). Il movente è stato il mancato pagamento di una multa ricevuta nel 2015. La sentenza di abuso edilizio aveva ordinato il pagamento di sanzioni accessorie che - stando a quanto rilevato dalla legge - non sono state ancora rispettate. Il testo del giudice afferma: "Anche se fotografato ordinariamente, in diversi luoghi del mondo, che confermano l'intenso transito internazionale di iscritti dei certificati dei flussi migratori, le ricorrenti, interessante, nel vostro paese d'origine, hanno sorte incerta e / o non è noto. Considerata la difficoltà se si richiedono le stesse consolidate (...), determinare il sequestro immediato dei passaporti del composto dalle autorità competenti, che deve essere celebrata dal presente, con ulteriore ordine per l'inclusione del vincolo nuova emissione fino al compimento dell'obbligo stabilito nella frase adeguata".

Ronaldinho caos: l'avvocato lo difende

La costruzione illegale di un mulino (eretto in un'area di conservazione ambientale) ha fatto sì che la multa ammontasse fino a due milioni di euro. Sergio Queiroz, avvocato della famiglia Ronaldinho, ha dichiarato: "Non erano fatti, nel processo, i passi legali per la localizzazione dei convenuti. Senza la conoscenza del processo, sono stati nominati difensori pubblici. Così, entrerà nel processo e, dopo il ripristino immediato del diritto costituzionale di andare e venire, attaccheremo altri avvenimenti, compreso questo punto per quanto riguarda la citazione".

Commenti