Caos Inter-Juventus, nessuna indagine della Procura Federale

I video di Tagliavento e Allegri e l'arbitraggio di Daniele Orsato in Inter-Juventus non sono piaciuti alla Procura Federale che vuole aprire un'inchiesta sul derby d'Italia. Poi la smentita

Caos Inter-Juventus, nessuna indagine della Procura Federale

Daniele Orsato è uno degli arbitri più esperti e stimati della Serie A ma la sua direzione di gara nel derby d'Italia tra Inter e Juventus ha lasciato diversi dubbi. Il fischietto di Schio, infatti, non ha usato lo stesso metro di giudizio, si è fatto sfuggire subito di mano la partita con l'espulsione di Vecino e poi ha sventolato una miriade di cartellini gialli senza punire Miralem Pjanic con un secondo giallo che a detta di molti addetti ai lavori sarebbe stato sacrosanto. A fine partita Mandzukic ha pubblicato una foto del suo piede insanguinato e medicato dopo il brutto intervento del centrocampista dell'Inter, per ribadire come l'arbitro abbia fatto bene ad espellerlo grazie al Var. Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, però, non ci sarebbe stato equilibrio nei giudizi di Orsato, più intransigente con i giocatori dell'Inter, più morbido nei confronti dei giocatoti della Juventus.

A destare sospetti, poi, sono spuntati due video di Paolo Tagliavento, quarto uomo dell'incontro. Nel primo si vede il fischietto di terni dire: "Quanto recupero facciamo?", in molti però hanno interpretato il labiale in questo modo: "Nel recupero vinciamo". In zona mista, infine, c'è stato l'incontro tra Allegri e Tagliavento con il tecnico bianconero che dice: "È andato proprio bene, è stato bravo". In realtà l'ex allenatore del Milan ritiene di aver parlato di sè stesso e non di Orsato. Infine, sono spuntate anche delle foto sui social network di Roberto Orsato, cugino (non fratello come riportato in un primo momento, ndr) del direttore di gara di Schio, di dichiarata fede bianconera. Tutti questi avvenimenti stanno avvelenando il campionato e secondo quanto riporta il Corriere della Sera la Procura Federale, nella figura di Giuseppe Pecoraro, vuole vederci chiaro ed è pronta ad aprire un'inchiesta su Inter-Juventus per capire se ci siano state o meno delle irregolarità.

Ma nel pomeriggio è arrivata la smentita: non è stata aperta alcuna indagine da parte della Procura Federale sui video in cui si vede Massimiliano Allegri scambiare una battuta con l'arbitro Paolo Tagliavento in zona mista dopo Inter-Juventus e quello con il labiale dello stesso arbitro durante la partita al momento di segnalare il recupero. Secondo quanto filtra dalla Federazione, le immagini circolanti sul web sono state acquisite e visionate per correttezza, la Procura ha così potuto rendersi conto che per quanto accaduto non ci fossero i presupposti per avviare una procedura di indagine.

Commenti

Grazie per il tuo commento