Conte spegne polemiche: Lukaku e Eriksen in gol contro il Getafe

I gol di Lukaku e Eriksen hanno deciso la sfida di Europa League in favore dell'Inter che stacca così il pass per la final eight di Europa League. Conte mette da parte le polemiche

L'Inter di Antonio Conte archivia parzialmente le polemiche dopo la sfuriata del tecnico salentino al termine del match contro l'Atalanta, batte 1-0 e con il brivido gli spagnoli del Getafe e strappa il pass per la final eight dell'Europa League. A decidere la sfida di Gelsenkirchen in favore di nerazzurri ci ha pensato il gol, l'ennesimo stagionale, di Romelu Lukaku sempre più decisivo che sale così a quota 30 reti stagionali in tutte le competizioni agganciando Diego Milito che nell'anno del Triplete siglò 30 reti risultando decisivo nella vittoria della Coppa Italia, dello scudetto e della tanto agognata Champions League.

Conte ha diretto alla perfezione i suoi ragazzi dalla panchina con la consueta grinta, rabbia agonistica ed ha esultato come un vero indemoniato sia al gol di Romelu Lukaku che di Christian Eriksen che dopo pochissimi minuti dal suo ingresso in campo, al minuto 80' al posto di Brozovic, ha messo in ghiaccio la partita con la rete del 2-0. L'Inter ha rischiato con Molina che calciato fuori iun rigore concesso dall'arbitro, dopo aver rivisto le immagini al Var, per un fallo di mano di Godin. I nerazzurri hanno anche sprecato due occasioni da gol con Lukaku che da pochi passi e con il suo piede meno nobile, il destro, l'ha calciata fuori e con Sanchez che al 90' e tutto solo davanti al portiere l'ha messa a lato con un cucchiaio.

Nonostante una serata non brillante dal punto di vista fisico l'Inter ha ottenuto il risultato atteso e ora attende di conoscere la vincente del match di domani tra il Bayer Leverkusen e il Glasgow Rangers, all'andata finì 3-1 in favore dei tedeschi. Conte è parso tranquillo, pacato e concentrato sull'obiettivo comune del club nerazzurro che è quello di tornare a vincere un trofeo dopo nove anni dall'ultima volta. Staccano il pass per i quarti anche altre tre squadre: Shakhtar Donetsk, Manchester United e Copenaghen. Domani le ultime quattro sfide di Europa League con la Roma di Fonseca che giocherà contro il Siviglia dell'ex Milan Suso.

Le parole concilianti dell'ad

Prima del match di Europa League Beppe Marotta, amministratore delegato dell'Inter ha fatto il punto della situazione e ha inevitabilmente toccato il tema Conte dopo la sfuriata del tecnico salentino al termine del match contro l'Atalanta: "Siamo tutti concentrati a questa serata importante. Conte ieri ha rilasciato una dichiarazione molto esplicita e chiara. Atteniamoci a quello che ha detto lui. Queste dinamiche fanno parte del gioco, conviviamo con questo mondo. Non c’è nessuna presa di posizione da parte nostra. Tutte le componenti della società mirano a raggiungere degli obiettivi comuni, raggiungere soddisfazioni e regalarle ai tifosi. La preparazione alla partita è stata delle migliori", le parole un po' vaghe pronunciate dall'amministratore delegato che non è tornato sull'argomento ma che ha lasciato tutto aperto e in bilico circa la situazione del futuro dell'ex ct della nazionale sulla panchina nerazzurra.

Il tabellino della partita

Inter (3-5-2): Handanovic; Godin, De Vrij, Bastoni; D'Ambrosio (39' st Biraghi), Barella, Brozovic (36' st Eriksen), Gagliardini, Young ; Lukaku, Lautaro Martinez (25' st Sanchez). All Conte
Getafe (4-4-1-1): Soria; Suarez, Djené, Etxeita, Olivera (43' st Portillo); Nyom (24' st Jason), Arambarri (43' st Hugo Duro sv), Timor, Cucurella; Maksimovic (11' st Angel); Mata(24' st Molina. All Bordalas
Reti: 33' Lukaku, 38' st Eriksen
Note: 31' st Molina (G) calcia a lato un rigore

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.