Dopo il disastro, lo sfogo choc di Conte: "Qui si tocca la mia famiglia..."

Conte ha parlato al termine del match perso contro il Siviglia da quasi ex allenatore dell'Inter: "Parlerò con la società in maniera serena ma tante cose non mi sono piaciute. La famiglia prima di tutto"

L'Inter ha perso la finale di Europa League contro il Siviglia e al termine del match Antonio Conte ha prima analizzato la partita e poi ha, forse, salutato definitivamente il club nerazzurro: "La partita è stata dura, equilibrata dove comunque nel secondo tempo l'episodio poteva spostare la partita ed è svoltato per loro. Abbiamo avuto un paio di occasioni per noi e poi c'è stato l'autogol di Lukaku che ha fatto diventare tutto più difficile anche perché il Siviglia stava abbassando la sua intensità. Il rimpianto arriva fino ad un certo punto perché i giocatori hanno dato tutto quello che avevano contro una squadra abituata a queste situazioni e questo ha fatto la differenza e ha spostato l'ago della bilancia dalla loro parte", le prime dichiarazioni "soft" tecnico leccese

Addio sibillino

Conte ha poi parlato del futuro incalzato dalle domande di Sky ed è partito a ruota libera: "Adesso noi dobbiamo rientrare a Milano, ci prenderemo tutti 2-3 giorni di vacanza e poi a mente fredda ci incontreremo per parlare ed è giusto così, si farà una disamina della stagione, di tutto e in maniera serena cercheremo di pianificare eventualmente il futuro dell'Inter con o senza di me, questo si vedrà".

A questo punto dalla studio gli fanno notare come non sia un particolare non da poco e lui rincara la dose: "Non potete dirlo voi cosa succederà. Questa è stata una stagione dura, ora dobbiamo solo riposare qualche giorno e poi prendere la decisione migliore per il bene dell'Inter nel massimo rispetto di tutti. Non c'è astio, ci sono visioni diverse su certe cose, questa è stata annata dura e capiremo molto molto bene e in maniera serena cosa si dovrà fare. Per me è stata annata bellissima, ne è valsa la pena devo dire la verità, sono molto felice e sono contento per questa opportunità che mi è stato data e lo sarò sempre".

"Il mio punto di vista non potete saperlo e non ve lo dico...Lo conoscerà la società a momento debito, tempo di smaltire anche questa delusione. Un mio addio? Sono interpretazioni ma a prescindere da tutto questa è stata una grande occasione per la mia carriera e questo ambiente mi ha accolto bene al di là di tutte le più rosee aspettative. Ho dato e ricevuto tanto e da questo punto di vista sono molto contento. Ora rifiatiamo tutti, recuperiamo energie e poi come avete vi ho detto parleremo ma in maniera serena e nel rispetto di tutti", il commento dell'ex ct della nazionale italiana che ha palesato il suo malcontento.

Questioni di famiglia

"Io non ho rancore nei confronti della dirigenza e viceversa penso. La questione sono i diversi punti di vista di alcune situazioni che quest'anno ho affrontato e che non mi sono piaciute con tutto il rispetto. Ora devo capire se a tutto questo c'è un limite e se potremo chiarire queste situazioni", poi Conte rincara la dose: "Qualcosa è successo, inutile girarci attorno... bisogna capire se c'è la voglia di tutti di non passare un'altra annata in questa maniera per quanto riguarda il sottoscritto. Io lo farò presente e parlerò con presidente e dirigenti ma in maniera chiara e pacifica perché non ce l'ho con nessuno e ringrazierò tutti". Chiusura sui problemi familiari avuti in stagione: "A tutto c'è un limite, devo capire se la mia priorità è il calcio o la mia famiglia. Ci sono anche risvolti che se devono andare a intaccare la vita privata non vanno più bene".

Il successore

I prossimi giorni saranno delicati sull'asse Italia (Milano)-Cina con Zhang Jindong e il figlio Steven che dovranno decidere insieme alla dirigenza se puntare ancora su Antonio Conte o se voltare pagina, soprattutto dopo le sue dichiarazioni degli ultimi 20 giorni. Difficilmente però il club di viale della Liberazione licenzierà il tecnico leccese anche perché dovrebbe poi pagargli 24 milioni di euro netti per le prossime due stagioni. Se ci sarà l'addio l'Inter allora punterà su un successore all'altezza del club nerazzurro e delle sue ambizioni: il nome che circola in maniera insistente è quello di Massimiliano Allegri anche se non è da sottovalutare la concorrenza di Mauricio Pochettino.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

COSIMODEBARI

Sab, 22/08/2020 - 10:14

"contro una squadra abituata a queste situazioni", come se la squadra del Siviglia di ieri sera fosse sempre quella che ha vinto altre 5 coppe Uefa. L'Inter del Mago Herrera, forse non lo sa, vince contro uno squadrone che vinceva Coppe Campioni su Coppe Campioni. La sua amata Juve tanto abituata alle situazioni di Champions ha sempre forato puntualmente, e non solo nelle ultime 7 finali disputate, pure prima di arrivarci. E' un allenatore perdente in campo trofei europei, è un falso come allenatore. L'Inter dovrebbe fargli ponti d'oro se decidesse di andare via. E poi la "manina" sulla famiglia è offensiva per chi la racconta. Mica sarà vero che Messi va all'Inter, e pertanto vuole evitarlo?

ilbelga

Sab, 22/08/2020 - 10:34

un grande allenatore non mette in piazza i problemi suoi e della squadra 20 giorni prima della semi finale e finale di una competizione importante.

Gio56

Sab, 22/08/2020 - 10:51

ilbelga,Conte "il piangina",è un grande allenatore se gli metti in squadra dei fenomeni,altrimenti non è ne più ne meno uguale a tanti altri

caren

Sab, 22/08/2020 - 11:59

Ma quel Gagliardini che non segna mai quando gli capita l'occasione per andare in vantaggio o chiudere la partita.

Boxster65

Sab, 22/08/2020 - 12:11

Conte è fatto così se non riesce a vincere scappa via. Lo dico da milanista, meglio così con Conte l'Inter aveva fatto tanti passi indietro in termini d'immagine. Adesso vi attende un altro simpaticone.. Allegri!

edo2969

Sab, 22/08/2020 - 12:53

Tipico degli italianucci: quando si perde anziché fare ammenda dei propri errori si dà colpa agli altri e si piagnucola il classico “tengo famiglia”. Personaggio mediocre, perdente, arrogante, antipatico, rissoso, litigioso, cattivo esempio per i giovani. Pura scuola juventus. Ieri il Siviglia gli ha dato una grande lezione di calcio. Può andare in pensione, non ci mancherà.

edo2969

Sab, 22/08/2020 - 13:01

Ecco perché il calcio italiano va sempre peggio. Questo personaggio squallido ben rappresenta gli allenatori italiani: mediocri, perdenti, sempre a trovare scuse. Le squadre straniere ormai ce le suonano regolarmente e non è solo un problema di soldi: il budget del Siviglia è la metà dell’Inter. Ma hanno un vero allenatore e una dirigenza che conosce il calcio.

edo2969

Sab, 22/08/2020 - 13:04

Ma che c’entra la sua famiglia? E chi se ne strafrega poi? Vogliamo parlare di calcio, signorino Conte? E di come ieri vi hanno preso a sberle? E c’era chi paragonava Lukaku e Lautaro a Messi e Suarez o Lewandosky e Müller. Ma quando mai? Lukaku segna ma poi rovina tutto con un’autorete che regala la coppa al Siviglia. E Lautaro... chi?

edo2969

Sab, 22/08/2020 - 13:10

Questo è peggio di Domenech

Ritratto di Piddiopentababbei

Piddiopentababbei

Sab, 22/08/2020 - 15:14

Edo2969 eh no bello, questo e' puro stile cartonato prescritto. Il tanfo nerazzurro l'ha preso quando ha deciso di firmare per l'Inda e ne e' il classico esempio. Piangina, perdente, sempre ad accusare gli arbitri e la sfortuna, praticamente tutto quello che l'Inda ha fatto anche dopo il 2006, cioe' accusare ancora Moggi e il sistema juve quando non hanno potuto piu' contare su Guido Rossi. Invece una squadra che spende la meta' di voi vi ha castigati, vi ha insegnato a giocare a calcio e inoltre continua a farvi capire che in 10 anni non avete vinto niente e che siete sempre la stessa inda che comprava Carini e Vampeta piangendo poi che gli altri sono piu' forti. Piu' interisti di cosi' e' impossibile.

edo2969

Dom, 23/08/2020 - 10:23

Piddi.. caschi male, sono del Milan. Noi siamo la Storia: più coppe di voi rubentini e interisti messi insieme. A parte rubacchiare scudettini che non valgono più niente siete solo campioni di finali perse ah ah. Mentalità perdente in Europa, squadra storicamente scarsa. Arbitri servi in Italia. Ecco la scuola juventus di cui parlavo. L’ultimo trofeo vero per voi è di 25 anni fa, capirai che grande club. Non la vincerete MAI, perchè in Europa gli arbitri fanno gli arbitri e non i dipendenti fiat.