Cristiano Ronaldo positivo al Covid: asintomatico, è in isolamento

Il fuoriclasse della Juventus, Cristiano Ronaldo, è risultato positivo al tampone del covid-19. La federazione portoghese in una nota: "Sta bene, è asintomatico ed in isolamento"

Ennesima positività al coronavirus in Serie A ma questa volta il nome in questione fa davvero rumore: si tratta di Cristiano Ronaldo. Il fuoriclasse della Juventus si trova ora in isolamento dopo il test effettuato al termine del match di Nations League contro la Svezia. La federcalcio lusitana ha informato come il 35enne di Funchal stia bene, asintomatico e posto in stato di isolamento per prevenire il contagio dei compagni di squadra.

Tutti a cena

Cristiano Ronaldo ha postato sui social una foto che ritrae tutta la nazionale portoghese insieme e festante a cena con la Federcalcio portoghese che ha effettuato dei nuovi tamponi a tutti i compagni informando come tutti abbiano dato fortunatamente esito negativo: "A seguito del caso positivo, i restanti giocatori sono stati sottoposto a nuovi test questo martedì mattina, tutti con esito negativo, e sono a disposizione di Fernando Santos per gli allenamenti di questo pomeriggio, alla Cidade do Futebol".

Unidos dentro e fora do campo! #todosportugal

Un post condiviso da Cristiano Ronaldo (@cristiano) in data:

La Serie A trema

Con il contagio di Cristiano Ronaldo salgono a quota 30 gli attualmente positivi al coronavirus: Carnesecchi tra le fila dell'Atalanta, Valon Behrami, Davide Biraschi, Petar Brlek, Francesco Cassata, Domenico Criscito, Mattia Destro, Lukas Lerager, Darian Males, Filippo Melegoni, Luca Pellegrini, Marko Pjaca, Lasse Schone, Miha Zajc, Davide Zappacosta tra le fila del Genoa il club più falcidiato in assoluto.

Per poi proseguire con i sei positivi dell'Inter Alessandro Bastoni, Milan Skriniar, Radja Nainggolan, Roberto Gagliardini, Ionut Radu, Ashley Young, i due del Milan Leo Duarte e Matteo Gabbia, Diawara della Roma, Zielinski ed Elmas del Napoli, Marchizza dello Spezia, Barak e Gunter del Verona più appunto la new entry Cristiano Ronaldo. Al momento, tolto il club rossoblù che si augura di riscontrare altre negatività nel giro dei prossimi giorni, la situazione delle altre squadre è più o meno sotto controllo anche se bisognerà aspettare il rientro di tutti i nazionali prima della ripartenza della Serie A prevista per sabato 17 ottobre.

La sensazione è che questa stagione sarà condizionata ampiamente da questi casi di positività e solo alcune regole ferree e un protocollo ancora più rigido potranno permettere al campionato di arrivare al termine. I tanti impegni ravvicinati e l'Europeo che si giocherà ai primi di giugno dopo essere stato rimandato di un anno proprio a causa del covid-19 rendono ancora più arduo il compito delle istituzioni calcistiche che stanno facendo fatica a fronteggiare un problema mondiale.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

maxmado

Mar, 13/10/2020 - 17:29

E ora lo sceriffo buffone campano che dice?

jaguar

Mar, 13/10/2020 - 17:46

Virus molto democratico.

ruggerobarretti

Mar, 13/10/2020 - 20:05

Tutti a cena con il positivo e ne e' rimasto positivo solo uno.