''Dannazione hai rotto...Smettila di urlare''. Super lite Piqué-Griezmann

Alta tensione in campo tra i due calciatori del Barcellona prima del tracollo nel secondo tempo contro il Psg

"Dannazione Grizzi, un fottuto possesso palla hai rotto…Vacci piano Geri, smettila di urlare'', tensione alle stelle tra Gerard Piqué e Antoine Griezmann nella sfida di andata degli ottavi di finale di Champions League tra Barcellona e Psg finita 4-1 in favore dei francesi.

Nel Camp Nou vuoto s'è sentito di tutto e la rabbia di Piqué ha occupato la scena. Impossibile non percepire il suo sfogo avuto nei confronti del compagno di squadra Griezmann. Lo sfogo racconta molto più del risultato finale e della frustrazione per la prestazione della squadra. Insieme all'immagine di Piqué che si aggrappa alla maglietta di Mbappè e prova a fermarlo in tutti i modi mentre corre verso la porta è l'emblema di quanto accaduto nella partita di ieri. Un simbolico passaggio di consegne tra una vecchia generazione, sostenuta ormai solo dall'orgoglio della sua anima catalana ma smarrita nei ricordi di una squadra stellare e il nuovo che avanza, spietato e inesorabile come gli scatti dell'inarrestabile Mbappè.

La ricostruzione

È il minuto numero 38 del primo tempo, Barcellona e Paris Saint-Germain sono sull'1-1 ma la piega che ha preso l'incontro lascia già presagire quanto sarebbe accaduto poco dopo. Piqué ha già capito tutto e sbotta. Lo fa dopo l'ennesimo affondo di Mbappé, un martello costante da quella parte assieme a Kurzawa. Se la prende con Griezmann che non corre abbastanza, non copre, si perde in passaggi inutili e non permette alla squadra di verticalizzare il gioco.

Piqué urla: "Un fottuto, lungo possesso palla! Dannazione, Grizzi. Hai rotto… dai! Un lungo, fottuto possesso palla!". Griezmann replica: "Vacci piano, Geri, adesso smettila di urlare". Il difensore insiste:"E sto correndo anche io''.. Le Petit Diable perde le staffe e attacca:"La concha di tua madre". Piqué ribatte: "No, la concha di tua madre… Stiamo soffrendo e siamo così da cinque minuti". Griezmann è spazientito:"Ti ho detto di non urlare". In quel momento interviene il compagno di squadra, Lenglet, che prova a riportare un po' di calma. Il gioco continua e bisogna piazzarsi in area perché il Psg sta per battere un calcio d'angolo. Ma la discussione tra i due continua. Piqué borbotta ancora qualcosa e poi sputa per terra: "Fottiti tu e tua madre, stiamo correndo come dei matti". Griezmann:"E sto correndo anche io''.

Lo scambio di battute tra i due testimonia il livello di tensione presente in squadra, che poco dopo cadrà fragorosamente sotto i colpi di Kylian Mbappè. L'ultimo epilogo chiamata per l'ennesima volta in questi anni ad una nuova rifondazione, stavolta però con ogni probabilità senza Messi, sempre più diretto proprio verso Parigi.

Segui già la nuova pagina Sport de IlGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.